SONO I FIGLI CHE TRASFORMANO I GENITORI | Chi ha ucciso mio padre | il nuovo romanzo di Édouard Louis

Read Time6 Minutes, 2 Seconds

di Maria Dente Attanasio

Pubblicato sulla versione cartacea di Amedit n. 39 | estate 2019

SFOGLIA LA RIVISTA

 

In Italia Édouard Louis è già noto per Il caso Eddy Belleguele (Bompiani, 2014), un romanzo autobiografico dove il giovane scrittore francese ha ripercorso dolorosamente gli attacchi omofobici subiti, fuori e dentro casa, negli anni dell’infanzia e dell’adolescenza. In Storia della violenza (Bompiani, 2016), seconda prova narrativa, Louis ha tentato di indagare le ragioni complesse e profonde di una cosiddetta attrazione pericolosa, sospesa in quel confine labile che separa la passione dalla distruzione. Con Qui a tué mon père (Chi ha ucciso mio padre, Bompiani, 2019) Louis ci consegna un coraggioso pamphlet incentrato sul legame difficile padre-figlio, la storia di una distanza incolmabile culminata in un inaspettato riavvicinamento; la vicenda autobiografica, dolorosa e formativa, si apre a una riflessione più ampia che travalica le mura domestiche per abbracciare l’intero assetto politico-sociale.

«Se questo fosse un testo di teatro, – scrive Louis nell’incipit – comincerebbe proprio così: padre e figlio sono a qualche metro l’uno dall’altro in un grande spazio, vasto e vuoto. Questo spazio potrebbe essere un campo di grano, una fabbrica dismessa e deserta, la palestra laminata di una scuola.» La comunicazione è interrotta. Negata. Nessun ponte scavalca il baratro che separa queste due figure. Il figlio ha avuto l’opportunità di nascere omosessuale ma purtroppo, come troppo spesso accade, nella famiglia sbagliata: padre alcolizzato (ossessionato dalla mascolinità), fratello violento, madre sciatta. Una famiglia povera sia di denaro, sia di cultura. A farne le spese, fin dalla più tenera età è, per l’appunto, questo figlio incollocabile, intrinsecamente sbagliato, non allineato agli standard del mesto presepio. Il piccolo Édouard si ritrova a crescere in un clima ostile, bersaglio di costante derisione, tra insulti espliciti e silenzi carichi di disapprovazione. La convivenza col padre, in particolare, gli è insopportabile. «Per tutta l’infanzia ho sperato nella tua assenza.» Un padre muto, anaffettivo, autoritario, incapace di metabolizzare la manifesta diversità del secondogenito. E la madre non era da meno: «Perché sei così? Perché ti comporti sempre come una femmina? Al paese dicono tutti che sei frocio, c’hai svergognato, ti prendono tutti in giro. Non capisco perché fai così.» Sono espressioni di questo tenore ad aver scolpito l’infanzia e l’adolescenza dell’io narrante, oggi un giovane uomo che si sforza di comprendere le ragioni di tanto analfabetismo emotivo.

Nella lettera al padre affiorano ricordi di un bambino di sette anni, colpevole di desiderare come regalo di natale la videocassetta di Titanic invece di un gioco più maschile, colpevole di amare il ballo e certe piccole eccentricità. Nell’assetto sociale dei cosiddetti normali gli insulti omofobici sono atti dovuti, comportamenti ritenuti leciti, posizioni ideologiche da affermare platealmente per ribadire una mascolinità altrimenti silenziosa e dubbia, e anche il padre apostrofando il figlio “femminuccia” risponde alla stessa impietosa didattica.

Raggiunta la maturità il figlio indesiderato lascia la famiglia, il piccolo paese, e trova il suo riscatto trasferendosi a Parigi. Qui, attraverso la scrittura, mette ordine nel suo passato e ricompone la complessa figura del padre. Qui a tué mon père non è solo un atto d’accusa verso un padre indegno, ma la lucida diagnosi di un abbruttimento indotto: quel padre è il frutto dell’educazione che ha a sua volta ricevuto, ed è il frutto (ammaccato, guasto) delle spietate politiche sociali francesi. L’accusa si stempera nel perdono, nella giustificazione. Quando, a distanza di anni, il figlio torna a far visita al padre quello che trova è un «corpo malridotto». Penalizzato da un incidente in fabbrica il padre si era trasformato in un assistito, costretto a sopravvivere con le somme irrisorie passate dallo Stato. «Appartieni alla categoria di uomini a cui la politica riserva una morte precoce.»

Quella descritta da Louis è una società di dominanti e dominati, una società che opera distinzioni e discriminazioni. Al padre che discrimina il figlio fa eco la politica che discrimina determinate categorie sociali. Tutto torna. Louis denuncia (facendo nomi e cognomi e date) le politiche sociali francesi dal marzo 2006 all’agosto 2017, colpevoli di aver sistematicamente penalizzato i lavoratori del ceto medio-basso. François Hollande, Emmanuel Macron, Myriam El Khomri, Nicolas Sarkozy, Martin Hirsch, Jacques Chirac, Xavier Bertrand, Manuel Valls: «La storia della tua sofferenza porta nomi e cognomi.» Condanna, in sintesi, chi ha negato a suo padre la possibilità di diventare altro. Un uomo migliore. Un padre migliore. «Quando bevevi troppo abbassavi gli occhi e mi dicevi lo stesso che mi volevi bene, che non capivi perché il resto del tempo eri così violento. Piangevi mentre mi confessavi che non sapevi come interpretare queste forze che ti attraversavano, che ti facevano dire cose di cui tu ti pentivi subito dopo. Eri vittima sia della violenza che esercitavi sia di quella che subivi.»

Il riavvicinamento tra padre e figlio, seppur tardivo, opera significativi cambiamenti. Se il figlio ne esce in certo modo pacificato, il padre vive invece una vera e propria trasformazione, divenendo l’uomo che sarebbe dovuto essere. È grazie al figlio che il padre prende consapevolezza di sé e di quanto gli è intorno. «…sono i figli che trasformano i genitori, non il contrario (…) Tu, che per tutta la vita hai ripetuto che il problema della Francia erano gli stranieri e gli omosessuali, adesso critichi il razzismo della Francia, mi chiedi di parlarti dell’uomo che amo. Compri i libri che pubblico.» Chi ha ucciso mio padre (Bompiani, 2019, traduzione di Annalisa Romani) è dedicato al regista Xavier Dolan.

Maria Dente Attanasio


Pubblicato sulla versione cartacea di Amedit n. 39 | estate 2019

Copyright 2019 © Amedit – Tutti i diritti riservati

SFOGLIA LA RIVISTA

RICHIEDI COPIA CARTACEA DELLA RIVISTA

LEGGI ANCHE:

SIGNORE, RENDIMI PURO | Tutto l’orrore delle Terapie Riparative in un memoir di Garrard Conley

CONFETTI ROSA PALLIDO | La Febbre di Jonathan Bazzi

OLTRE LA PALUDE | La sesta beatitudine | L’ultimo romanzo di Radclyffe Hall

IL DEMONE DI SIDONIA | La vita del sabato | Un romanzo di Radclyffe Hall

L’ASPIRAZIONE IRRINUNCIABILE | Al mondo | un romanzo di Radclyffe Hall

LA FUGA DI EDDY | Il caso Eddy Bellegueule – Un romanzo di Édouard Louis

TREVOR PROJECT | Per un’educazione civica contro l’omofobia e patologie affini

SOTTO I QUERCIOLI DI QUELLA NOTTE DI LUNA | Il figlio prediletto | Un romanzo di Angela Nanetti

COME BRADAMANTE E FIORDISPINA | La vita a rovescio di Caterina Vizzani in un romanzo di Simona Baldelli

GLI ANNI DI PORPORA | Antologaia | Porpora Marcasciano racconta i suoi anni ‘70

STORIA DI UNA DONNA | Angeli con le ali bagnate | Una testimonianza di Rossella Bianchi

TUTTA UN’ALTRA STORIA | L’omosessualità dall’antichità al secondo dopoguerra | Un saggio di Giovanni Dall’Orto

WARME BRÜDER | I Fratelli caldi della Berlino prehitleriana

IL GENDER CHE NON C’È | La Teoria del Gender e altre menate delle cattodestre

REQUIEM PER MATTHEW | A vent’anni dalla morte le ceneri di Matthew Shepard trovano degna sepoltura

SE MI BACI TI UCCIDO | Un bacio | Un racconto e un film di Ivan Cotroneo

HIJRA | Nascere donna in un corpo di uomo a Mumbai | La gabbia dei fiori | di Anosh Irani

mtf Storie di ordinaria transizione | SERENA

ftm Storie di ordinaria transizione | MAURIZIO

LILI | THE DANISH GIRL | Un melodramma transgender di Tom Hooper

IL SEGRETO DELLA CASA TRA I BOSCHI | Susanna e le strane ragazze di Catskill 

IL RAGAZZO DI ROSA | Defending Bosie | un saggio di Sandro De Fazi

0 0

About Post Author

Rispondi

Next Post

IL DEMONE INFANTE | Contro i bambini – Memorie di una brava maestra

Gio Giu 27 , 2019
di Maria Dente Attanasio Pubblicato sulla versione cartacea di Amedit n. 39 | estate 2019 SFOGLIA LA RIVISTA   C’è un amore malsano da cui bisogna mettere in salvo i bambini. È quello cieco e acritico di genitori ed educatori non sempre all’altezza del loro ruolo. La mistica che fa del bambino un angelo, un’anima innocente, ha prodotto fin troppi mostri. Il […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: