LIBERI DI FARE | Manifestazione nazionale per l’autonomia e l’assistenza personale alle persone disabili

Posted on 25 ottobre 2017

0


MANIFESTAZIONI #LIBERIDIFARE

Il 3, 4 e 5 novembre si svolgeranno in molte città italiane una serie di manifestazioni per sensibilizzare sul tema dell’autonomia e dell’assistenza personale alle persone disabili. 

Si intitola #liberidifare lo slogan della mobilitazione che il 3, 4 e 5 novembre riunirà persone disabili e non in tante città italiane, con l’obiettivo di testimoniare l’importanza e la necessità di un sostegno più concreto alla Vita Indipendente delle persone non autosufficienti.

Il tema è grave e urgente: a causa della mancanza di fondi per l’assistenza personale, in Italia moltissime persone disabili non sono in grado di provvedere in maniera autonoma alle proprie necessità quotidiane.

Nonostante i progressi raggiunti in alcune regioni, ancora troppe persone disabili che hanno bisogno di assistenza sono costrette a vivere in luoghi di isolamento sociale e segregazione, senza possibilità decisionale e vulnerabili a potenziali abusi. Oppure si trovano a dipendere dalla cerchia familiare, in un contesto di limitazioni reciproche e senza libertà di scelta.

Alla luce di queste riflessioni, le manifestazioni #liberidifare vogliono essere un momento di mobilitazione collettiva per sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sulla gravità del problema e chiedere alla politica risposte concrete.

Gli eventi si svolgeranno in varie città italiane, in maniera sincronizzata e concentrata nei giorni 3, 4 e 5 novembre 2017, sempre dalle ore 15 alle 16.

Alcune città che aderiscono all’iniziativa sono Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Ancona, Macerata, Ascoli Piceno, Acqualagna (Pu), Fermo, Fano (PU), San Benedetto Del Tronto, Porto S.Giorgio (FM), Senigallia (AN), Perugia, Ferrara, Comazzo (LO), Sassari, ma la lista è in aggiornamento.

L’iniziativa è promossa dall’omonimo movimento #liberidifare, una rete di persone disabili nata sui social network in seguito alla diffusione di una lettera aperta scritta da Maria Chiara e Elena Paolini, due sorelle disabili attive nel campo dei diritti dei disabili, che da alcuni anni gestiscono Witty Wheels, un blog dedicato a disabilità, stereotipi e giustizia sociale.

Fulcro del movimento è la diffusione e la promozione dell’idea di Vita Indipendente che, per una persona disabile, significa riuscire a compiere scelte ed autodeterminarsi, attraverso l’autogestione dei fondi finalizzati al pagamento di assistenti personali.

Questo principio viene già applicato negli Stati Uniti e in vari paesi europei (tra i quali Svezia, Inghilterra e Finlandia). Si tratta di un modello completamente diverso dalle prestazioni di assistenza “tradizionali” di tipo medico/assistenziale: la persona disabile si trasforma da oggetto passivo di cure standardizzate a soggetto attivo, in grado di assumere direttamente (o quando necessario tramite un tutore) gli assistenti, e definire tutti i dettagli della propria vita.

LINEE GUIDA per GIORNALISTI
Quando si parla di #liberidifare chiediamo di:

-Non usare toni pietistici o sensazionalistici.
Il pietismo crea distacco, crea un “noi” e un “loro”.

-Essere consapevoli, quando si parla della lettera aperta di Maria Chiara e Elena Paolini (https://goo.gl/xvB2jh), che non si parla di problemi individuali ma di un problema generalizzato e di una questione di diritti civili: il movimento per i diritti dei disabili è un movimento per i diritti civili e umani come quello delle donne, delle persone omosessuali ecc…

-È buona norma per un linguaggio giornalistico aggiornato e rispettoso evitare espressioni come:
“costretto su una carrozzina”
“persone speciali”
“affetto da disabilità”
“malati”
“meno fortunati”
“persone che soffrono”…

Essi promulgano idee di dipendenza e fragilità, mentre per essere più visibili e raggiungere più peso politico è necessario che le persone disabili sottolineino la loro forza e unità.
Il nostro movimento è sociale e si basa sul “Modello Sociale della Disabilità” (coniato da Mike Oliver in contrapposizione al “modello medico”), per cui la disabilità è causata più dal modo in cui è organizzata la società che dal deficit della persona: è l’ambiente che deve cambiare e diventare inclusivo delle caratteristiche di tutti gli individui.

-Non ha senso distinguere tra disabili “gravi” e “gravissimi”, perché non c’è una definizione univoca dei due termini, e perché sono termini strumentalizzati da alcuni politici per giustificare l’erosione del welfare.

-Quindi sì a:
“Usano carrozzine”
“sono ciechi/sordi”
“con la sindrome di Down”
“sono disabili/hanno una disabilità”…
concetti come “indipendenza” e “cittadini con diritti”.
Cerchiamo insomma di evitare la medicalizzazione e il pietismo e spingere il discorso pubblico verso il fatto che è una questione sociale e urgente, una questione di diritti umani.

-Dire “dipendere dai familiari” è meglio di dire “gravare sui familiari”.
C’è già più attenzione in genere, almeno nel linguaggio, sul punto di vista delle famiglie dei disabili piuttosto che sui diritti delle persone disabili. La mancanza di assistenza è una condizione di prigionia per entrambe le parti, e non ci piove. Ma la questione deve ruotare intorno alle persone disabili: mettiamo l’accento su di loro. Inoltre “gravare” promuove la concezione dei disabili come fardello e peso, un messaggio assolutamente tossico.

Riassumendo: meno pietismo, più consapevolezza dell’ingiustizia sociale.
Cerchiamo di aggiornare la comunicazione sulla disabilità!

Per adesioni e maggiori informazioni: wittywheels.blog@gmail.com


sito web: https://manifestazioneliberidifare.blogspot.it

pagina facebook: https://www.facebook.com/LiberidiFare/

video promozionale: https://www.youtube.com/watch?v=HwNrLe9Zfco

Città che aderiscono all’iniziativa #liberidifare

ROMA

VENERDI’ 3 NOVEMBRE – PIAZZA MONTECITORIO

SABATO 4 NOVEMBRE – PIAZZA DEL POPOLO

DOMENICA 5 NOVEMBRE – PIAZZA SANTI APOSTOLI

DALLE 15. ALLE 18.

NAPOLI

SABATO 4 NOVEMBRE – Via Caracciolo

DALLE 15. ALLE 16.

TORINO

VENERDI’ 3, SABATO 4 , DOMENICA 5 NOVEMBRE

PIAZZA PALAZZO di CITTA’

DALLE 15. ALLE 16.

ANCONA

SABATO 4 NOVEMBRE

DA PIAZZA CAVOUR A PIAZZA DELLA REPUBBLICA

DALLE 15. ALLE 16.

ASCOLI PICENO

VENERDI’ 3 NOVEMBRE – da Piazza Palestrina a Piazza Simonetti

SABATO 4 NOVEMBRE – da Piazza Immacolata a Piazza Arrigo (di fronte sede Comune)

DOMENICA 5 NOVEMBRE – da Viale Treviri a Piazza del Popolo

DALLE 15. ALLE 16.

ACQUALAGNA (PU)

VENERDI’ 3, SABATO 4, DOMENICA 5 NOVEMBRE

CORSO ROMA

DALLE 15. ALLE 16.

FANO

VENERDI’ 3 NOVEMBRE – PIAZZALE DELLA STAZIONE

SABATO 4 NOVEMBRE – PORTA MAGGIORE/ ZONA PINCIO

DOMENICA 5 NOVEMBRE – PIAZZA XX SETTEMBRE

DALLE 15. ALLE 16.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO

SABATO 4 NOVEMBRE

LA ROTONDA”

DALLE 15. ALLE 16.

SENIGALLIA

VENERDI’ 3, SABATO 4 , DOMENICA 5 NOVEMBRE

PARTENZA DA PIAZZA SAFFI

DALLE 15. ALLE 16.

COMAZZO (LO)
DOMENICA 5 NOVEMBRE

RITROVO: ORE 14, PIAZZALE CHIESA DI LAVAGNA

PARTENZA: ORE 15, DESTINAZIONE CHIESA DI ROSSATE

FERRARA 
SABATO 4/ 11

Piazza Municipale

DALLE 15.

PERUGIA 
3-4-5/ 11 Da Piazza Italia a Piazza IV Novembre 

DALLE ORE 15. ALLE 16.

SASSARI
SABATO 4/ 11

Da Piazza Castello a Piazza d’Italia

Dalle ore 15. alle 16.

Sulla pagina Facebook “Liberi di Fare” l’elenco Comuni aderenti aggiornata.

#liberidifare

 

Annunci