MANTOVA | Vania Elettra Tam CONTAMINAZIONE | 21 gennaio – 26 febbraio 2017

Posted on 12 gennaio 2017

0


Il Comune di Mantova, l’Assessorato alla Cultura e l’Ufficio Mostre presentano:

Vania Elettra Tam
CONTAMINAZIONE


A cura di Carlo Micheli

21 gennaio – 26 febbraio 2017

Inaugurazione 21 gennaio ore 17.00
Palazzo della Ragione – Piazza delle Erbe – Mantova

vania-elettra-tam-margaret-wyatt-e-jane-seymour-2016-365x315-e-345x395-acrilico-su-tela

Dal 21 gennaio Palazzo della Ragione ospiterà una mostra antologica di Vania Elettra Tam, offrendo una vasta panoramica sulla sua produzione, a partire da alcune opere realizzate nel 2006, fino ad arrivare alla grande tela ispirata al Mantegna che l’artista ha dipinto appositamente, per omaggiare la città di Mantova.

La mostra, curata da Carlo Micheli, analizza, per la prima volta in Italia, quasi tutto il percorso artistico della pittrice comasca, raggruppando una novantina di opere, fra dipinti e disegni, appartenenti a ben 10 cicli pittorici differenti.

Tale operazione è stata resa possibile anche grazie all’aiuto di collezionisti privati e gallerie d’arte, come Arte Investimenti di Milano, Orizzonti Arte di Ostuni, Nardi Arte di Roma e Woland Art di Trieste, con le quali l’artista collabora.

Non senza un velo di ironia costantemente e sottilmente presente, Vania Elettra Tam da sempre focalizza l’attenzione sugli stati d’ansia provocati dalla frustrazione, che causa la necessità di creare sempre nuovi bisogni (spesso assolutamente superflui) e che spinge gli individui a cercare soluzioni rocambolesche per risolvere problemi non essenziali.

vania-elettra-tam-origami-clitoridei-maddalena-2016-70x50-cm-tecnica-mista

L’utilizzo stesso dell’autoritratto, cifra distintiva del lavoro dell’artista, diventa sempre più pretesto per scomporre l’Io nella sua dimensione “finita” (quella della quotidianità, dell’incapsulamento in spazi chiusi nei quali si è costretti a trascorre la maggior parte della nostra esistenza) e nella sua dimensione “infinita” (quella della rottura degli schemi e della disobbedienza alle regole, quella della possibilità di lasciarsi andare all’istinto).

Un banale e quotidiano interno domestico si può trasformare nello specchio di Alice? L’irrazionale follia che si nutre dell’humus vitale della fantasia è appannaggio solo di artisti o di geniali inventori, o forse, dentro ognuno di noi, anche nella più banale delle situazioni casalinghe, si nasconde un lampo di genio, un indefinibile desiderio di fuga che ci porta oltre la nostra dimensione fisica e razionale?

Vania col suo segno deciso che sfiora suggestioni di gusto iperrealistico, cerca di dare una risposta a queste domande e, con un uso sapiente e raffinato della pittura, indaga il recondito desiderio di evasione che si cela in ogni individuo.

Una carrellata di donne simbolo, che varcano la soglia della realtà e della solitudine domestica per intraprendere un viaggio verso un “oltre” indefinito e agognato.

Immagini ironiche ma anche cariche di sofferta solitudine invaderanno gli spazi del Palazzo della Regione, per dar vita ad un affresco tagliente e disincantato di un particolare e a tratti dimenticato aspetto della realtà femminile nella società contemporanea.

vania-elettra-tam-contaminazione-2016-250x160-cm-acrilico-e-matita-su-tela

Vania Elettra Tam Nasce a Como nel 1968. Vive e lavora a Milano.
Nelle sue opere l’ironia e la seduzione si sovrappongono ad una velata critica sociale ma dallo sguardo lieve, divertito e surreale.

Principali mostre personali: “OKO 10” Šibenik City Museum Croazia; “Il giro del mondo in 30 m²” Roma; “Kanon – regole ferree” Trieste; “Filoillogica” e “Doppia mentiS” Ostuni; “Un giorno di ordinaria pulizia” e “Cronaca Rosa” Milano.

Fra le collettive: “54° Biennale di Venezia” Palazzo Te Mantova; “Cibi Condimentum Esse Famem” Milano; “Aliens – Le forme alienanti del contemporaneo” Casa Ludovico Ariosto Ferrara; “Plurale Femminile” Piacenza; “Coexist – Eight different kind of fantastic art” Lecce; “Iside Contemporanea” Museo Arcos Benevento; “Un’altra storia” San Carpoforo Milano; “Aquisizioni” Museo Parisi Valle Maccagno; “Perturbaciones” National Museum of Fine Arts L’Habana Cuba; “Art Basel Mania” Miami USA; “Artists & Authors” San Diego Art Institute USA; “Meeting of young Italian artists” Giacomo Casanova Palace Praga CZE; “Book Art Project” Baglioni Hotel London UK.

Del suo lavoro hanno scritto: Edoardo Di Mauro, Ivan Quaroni, Igor Zanti, Alessandra Redaelli, Franca Marri, Vincenzo Giulio Farachi, Ferdinando Creta, Iva Körbler…

La sua personale a Trieste è stata presentata dal critico di fama internazionale Edward Lucie-Smith.

Le sue opere sono state pubblicate su numerosi libri d’arte, letteratura e narrativa. Esempi recenti: “Il grande racconto di Ulisse” di Pietro Boitani e “Il grande racconto dei miti classici” di Maurizio Bettini editi da Il Mulino.

vania-elettra-tam-sailing-away-2008-80x80-cm-olio-su-ela-collezione-privata

Vania Elettra Tam
CONTAMINAZIONE

Mantova, Palazzo della Ragione – Piazza delle erbe

21 gennaio – 26 febbraio 2017
Inaugurazione 21 gennaio ore 17.00

Ingresso gratuito  

Info: T: 0376 1505892
Infopoint T: 0376 288208   

Orari: da martedì a domenica 10-13 e 15-18
Lunedì chiuso

Catalogo in mostra

Progetto in collaborazione con:
Frattura Scomposta Contemporary Art Magazine
info@fratturascomposta.ithttp://www.fratturascomposta.it


emeroteca_amedit

Annunci