I VIAGGI SENZ’AUTO | Città nascoste | Trieste, Livorno, Taranto | di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri | Exòrma Edizioni

Posted on 21 aprile 2016

0


I VIAGGI SENZ’AUTO
Città nascoste
Trieste, Livorno, Taranto
di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri
Exòrma Edizioni
TLT_COPLa novità della collana Viaggi senz’auto, una discesa verticale dentro tre città, una sorta di immersione profonda visto che sono luoghi di mare: Trieste, Livorno e Taranto, distanti ma sembrano scritte dallo stesso sceneggiatore, con un passato simile e la necessità di inventarsi un futuro.
Un reportage narrativo a due voci, quelle di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri, viaggiatori che utilizzano per i loro spostamenti unicamente mezzi pubblici.
C’è stato un momento in cui Trieste, Livorno e Taranto non erano Città nascoste, oggi però questi luoghi si lasciano alle spalle una notorietà e una prosperità economica legate a un’industria fiorente o alle fortune commerciali di un porto; e ora, esaurito il filone buono, hanno un futuro tutto da inventare per uscire dal cono d’ombra in cui sono finite.
Un futuro questa volta più vicino alle proprie radici, un’identità legata alla loro bellezza, ai luoghi, alla tradizione e anche, perché no, alla cultura del cibo e del vino.
Il libro conduce alla scoperta delle tre città; ma è soprattutto un viaggio “altro”, che rivela le ragioni che dovrebbero spingere il viaggiatore a farvi tappa, a scoprirle o riscoprirle.
In giro a Trieste, in balia dei suoi venti, nei caffè carichi di storie, sotto la statua di Umberto Saba o Italo Svevo, sul Ponte Rosso con Joyce o nel tram di Opicina; nel Carso con i suoi vini austeri, i profumi d’Oriente e la rivoluzione di Franco Basaglia.
Livorno ha accolto gli autori con la sua identità multiculturale; la città del porto, del “cinque e cinque” al mercato vecchio, di una delle librerie più antiche d’Italia, del cacciucco davanti al mare, i giri in barca nel quartiere della Venezia, gli chansonnier maledetti, Piero Ciampi e Amedeo Modigliani.
Infine la luce sconvolgente di Taranto, la città vecchia e le persone nuove, i fumi dell’Ilva, le battaglie per una Riserva Naturale, per un teatro nel cuore del famigerato rione Tamburi, la ripresa dell’allevamento delle cozze, identità e cambiamento. La città che vogliamo aggiustare.
Spostamenti fatti con i mezzi di trasporto pubblico, autobus e ferrovie secondarie, perché un luogo si inizia a “sentire” già nel percorso di avvicinamento.

Gli autori

Paolo Merlini, esperto di vie traverse, è uno specialista di trasporto pubblico locale riconosciuto a livello nazionale. Di slow travel scrive e parla alla radio. Collabora alle Guide Verdi del Touring Club Italiano e tutti i martedì sera conduce, con Erminio Giudici su Radio R9, il fortunato programma radiofonico “Cucina Kapuscinski”.

Maurizio Silvestri scrive di viaggi e cultura enogastronomica per Porthos. Collabora alle guide Slow Wine e Osterie d’Italia di Slow Food, alle Guide Verdi del Touring Club Italiano. Ha un piccolo talento per la fotografia. Dirige, insieme a Giuseppe Gennari, il Festival Ferré di San Benedetto del Tronto, città dove risiede. Vive altrove. Per Exòrma hanno pubblicato Un altro viaggio nelle Marche e Dove comincia l’Abruzzo.

Pagine: 288
Formato: 140×215 mm
Copertina: a colori
Prezzo: € 15,50
ISBN: 978-88-98848-27-0

Nella stessa collana:
Un altro viaggio nelle Marche di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri
Dove comincia l’Abruzzo di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri

Silvia Bellucci
Ufficio Stampa
Exòrma Edizioni
Via Fabrizio Luscino 73, 00174 Roma
Tel. +39 0676962014 – Cell. +39 3461561637
ufficiostampa@exormaedixioni.com


emeroteca_amedit

Annunci