L’EPOCA DELLO SRADICAMENTO. TERRORISMO, FINANZA, IMMIGRAZIONE | Spaziottagoni live | Trastevere

Posted on 14 aprile 2016

0


L’Associazione culturale Spaziottagoni

in collaborazione con Mameli 7onlus

presenta il

SEMINARIO

L’EPOCA DELLO SRADICAMENTO. TERRORISMO, FINANZA, IMMIGRAZIONE

Tra i relatori: Diego Fusaro, Alberto Bagnai e Claudio Tuozzolo

 

Giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 aprile 2016

 

Spaziottagoni live

Via Goffredo Mameli 7

00153 (Trastevere)

Seminario

Giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 aprile 2016 si svolgerà a Roma, a Spaziottagoni live (via Goffredo Mameli 7, Trastevere), un seminario dal titolo “L’epoca dello sradicamento. Terrorismo, finanza, immigrazione”. Il seminario sarà tenuto da professori quali Diego Fusaro, Alberto Bagnai e Claudio Tuozzolo oltre ai dottorandi Paolo Ercolani, Orsola Goisis e Gabriele Morleo.

 

Obiettivo programmatico del seminario è affrontare, con taglio critico, le grandi questioni e le pressanti sfide del nostro tempo: a partire dallacrisi finanziaria e dal dramma dell’immigrazione, sui quali, ad oggi, pare che manchi una riflessione critico-storica all’altezza. Senza risposte pronte, ma con le armi della passione durevole della ricerca e della domanda socratica, ci proponiamo di approfondire criticamente, con esperti del settore, tali questioni.

 

L’associazione culturale Spaziottagoni di Roma, seguendo la propria vocazione nell’intercettare i bisogni della società e in particolare delle singole persone e mettendo a disposizione la propria conoscenza e le esperienze nel settore musicale, artistico e sociale, fa sì che attraverso l’organizzazione di eventi di varia natura, sia essa anche informativa e formativa, possa rispondere nella misura più efficace proponendo ai propri associati importanti iniziative.

Per questo ha scelto di organizzare questo seminario intensivo con esponenti accademici sui temi dell’immigrazione, della crisi finanziaria e del terrorismo.

 

Saranno tre giorni in cui la partecipazione e l’interazione con i docenti saranno importanti, e hanno lo scopo di offrire corrette nozioni e informazioni per poter meglio interpretare e analizzare il momento storico di crisi a livello economico e finanziario e ciò che riguarda le questioni dell’immigrazione, che oggi stiamo vivendo.

 

Importante è definire che l’intero corso di formazione nasce dal desiderio di poter finanziare le attività della onlus Mameli7http://www.mameli7onlus.it – che opera nel settore sanitario e sociale in Libano e in Siria, portando beni strumentali medicali quali ambulanze e ospedali da campo o, come in Libano, costruendo un presidio sanitario presso il centro sociale S. Sauveur, diretto da Padre AbdoRaad.

Con le stesse finalità sono stati organizzati negli anni passati numerosi altri eventi, come ad esempio le mostre collettive “Arte per la vita” e “Arte per la vita 2”, oltre a concerti, spettacoli teatrali, presentazioni di libri e dibattiti.

 

I RELATORI

 

ALBERTO BAGNAI, professore associato di Politica economica presso il Dipartimento di Economia dell’Università Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara e presidente di a/simmetrie a.p.s., Associazione Italiana per lo Studio delle Asimmetrie Economiche. È nel direttivo dell’International Network for EconomicResearch (INFER), e collabora col Centre de Recherche en Economie Appliquée à la Mondialisation (CREAM) dell’Università di Rouen. Alla sua attività di ricerca, i cui risultati sono apparsi su riviste scientifiche internazionali, ha affiancato dal 2011 un’opera di divulgazione attraverso il blog Goofynomics, acclamato come miglior sito di economia alla Festa della Rete 2015. I suoi saggi sulla crisi (Il tramonto dell’euro, Imprimatur, 2012; L’Italia può farcela, Il Saggiatore, 2014) sono diventati dei best seller. Diplomato in flauto dolce e basso continuo, incide col gruppo Musica Perduta per BrilliantClassics.

 

DIEGO FUSARO (Torino, 1983) insegna “Storia della filosofia” presso l’Università San Raffaele di Milano. È studioso della filosofia della storia e delle strutture della temporalità storica, con particolare attenzione per il pensiero di Fichte, Hegel, Marx e per la “storia dei concetti” tedesca. Dirige la collana filosofica “I Cento Talleri” dell’editrice Il Prato ed è il curatore del progetto internet “La filosofia e i suoi eroi” (www.filosofico.net). Tra i suoi libri più recenti: Bentornato Marx!(Bompiani, 2009), Essere senza tempo. Accelerazione della storia e della vita (Bompiani, 2010),Coraggio (Cortina, 2012), Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo (Bompiani, 2012), Idealismo e prassi. Fichte, Marx e Gentile (Il Melangolo, Genova 2013), Il futuro è nostro (Bompiani, Milano 2014), e Fichte e l’anarchia del commercio (Il Melangolo, Genova 2014), Antonio Gramsci(Feltrinelli, Milano 2015). È editorialista de “La Stampa” e de “Il Fatto Quotidiano”. Si definisce “allievo indipendente di Hegel e di Marx”.

 

CLAUDIO TUOZZOLO, è Professore ordinario di Storia della filosofia, cattedre di Storia della filosofia contemporanea, Teorie dell’interpretazione e Filosofia dell’economia presso Università di Chieti-Pescara, Dipartimento di Scienze Giuridiche e Sociali. Presidente del Corso di Laurea in Sociologia e criminologia e membro della Giunta della Scuola di Scienze economiche, aziendali, giuridiche e sociologiche, sempre presso Università di Chieti-Pescara.

 

PAOLO ERCOLANI (Roma, 1972) insegna materie filosofiche e sociologiche all’Università di Urbino «Carlo Bo», dove ha conseguito il dottorato di ricerca in Filosofia. E’ iscritto all’ordine nazionale dei giornalisti ed autore, in questa veste, di numerosi articoli per testate nazionali. Ha collaborato all’inserto culturale del Corriere della sera («La Lettura»), scrive per le pagine culturali de «Il Manifesto» (dove è anche titolare del Blog «L’urto del pensiero») e «Micromega» (gruppo editoriale L’Espresso-La Repubblica). Collabora con il canale filosofia di Rai educational. E’ fondatore, membro del Comitato scientifico e Presidente dell’Osservatorio filosofico (www.filosofiainmovimento.it). E’ inoltre membro del comitato scientifico della collana «Relazioni pericolose» per la casa editrice Mimesis di Milano. Fra i suoi libri, che più volte hanno suscitato un dibattito acceso sui media nazionali: Il Novecento negato. Hayek filosofo politico (Perugia 2006), Tocqueville: un ateo liberale (Bari 2008), La storia infinita. Marx, il liberalismo e la maledizione di Nietzsche, presentazione di Luciano Canfora (Napoli 2011) e L’ultimo Dio. Internet, il mercato e la religione stanno costruendo una società post-umana, prefazione di Umberto Galimberti (Bari 2012). Il suo ultimo libro, «Qualcuno era italiano. Dal disastro politico all’utopia della rete», con un’intervista a Carlo Freccero (Milano 2013), ha suscitato un’ampia discussione che, fra le altre cose, lo ha condotto a essere ospite della trasmissione televisiva «Omnibus» su La7.

 

ORSOLA GOISIS è nata a Venezia il quattro marzo 1986. Ha studiato Scienze politiche e relazioni internazionali presso l’Università di Padova dove si è laureata con una tesi sul pensiero politico di Arendt e il confronto fra i due paradigmi rivoluzionari, quello americano e quello francese. Ha conseguito poi la laurea magistrale in Istituzioni e politiche dei diritti umani e della pace, con un elaborato finale intitolato “Crisi dell’individuo e antisemitismo in Th. W. Adorno”. Dopo un periodo di studio presso la Faculté de droit e l’Instituteuropéen dell’Università di Ginevra, si occupa attualmente del pensiero di Denis Diderot. Dal 2013 è dottoranda di ricerca in Filosofia politica presso l’Università degli Studi di Padova e presso l’ÉcoledesHautesétudes en sciencessocialesdi Parigi (EHESS) e sviluppa un progetto di ricerca sul progetto antropologico, pedagogico e politico dell’Encyclopédie.

 

GABRIELE MORLEO è nato a Conversano (BA) nel 1981. Dal 2001 vive a Roma, dove ha studiato Arti e Scienze dello Spttacolo presso la facoltà di Scienze Umanististichedell’ Università “La Sapienza”. All’attività di artista visivo “diacronico” affianca quella di regista, dopo aver diretto numerosi cortometraggi, nel 2005 fonda la casa di produzione cinematografica indipendente “Koyaanisqatsy” con la quale produce e dirige, in collaborazione con la Regione Puglia e il Ministero della Giustizia, la docufiction “Gramsci, film in forma di rosa” girato all’interno della Casa Circondariale di Turi utilizzando con gli stessi detenuti. Il film è stato proiettato in Italia e all’estero. Nel 2010 cura la mostra di Federico Cavallini “Fiori” per “CondottoC” di Roma. Nel 2012, insieme ad altri artisti, fonda a Livorno “Carico Massimo/ Contenitore di arte Contemporanea”dando vita a un’intensa attività esposisitiva che vede la realizzazione di mostre di artisti che vanno da Gianfranco Baruchello a JimmieDhuram, passando per Colin Darke. All’artista Inglese dedica, inoltre, un critofilm dal titolo “Gli dei Partono, documentazione di un Lavoro”, diretto con l’artista Federico Cavallini. Artista concettuale ha all’attivo diverse mostre personali e collettive, tra le più importanti “ImaginaryLandscape”, realizzata nel Luglio 2015 con il “Centro per l’arte Contemporanea Luigi Pecci” di Prato.


emeroteca_amedit

Annunci