IVANO MERCANZIN | VENEZIA VISIONI E ILLUSIONI | Calendario mostre 2015/6

Posted on 18 novembre 2015

0


VENEZIA VISIONI E ILLUSIONI 2015

ivano_mercanzin_venezia

mostra a Mestre (VE): PHOTOMARKET – settembre 2016
mostra a Milano: PUNTO OTTICO – aprile 2016
mostra a New York (Madison Avenue): PUNTO OTTICO HUMANEYES – dicembre 2015 – gennaio 2016
mostra a Sirmione: HOTEL CATULLO – novembre 2015
mostra a Bassano del Grappa (VI): BIENNALE DI FOTOGRAFIA 2015 – settembre-novembre 2015
mostra a Grisignano di Zocco(VI): HOTEL VENICE – settembre-ottobre 2015
mostra a Vicenza: SPAZIO PUNTO OTTICO – giugno-luglio 2015.

Venezia di notte e di giorno, ma non la solita città rappresentata nella sua veste turistica e scontata, vista e rivista, ma una Venezia insolita solitaria, meditativa, soffusa, di notte, quando anche i rumori sono ovattati e le poche persone che la animano sembrano quasi inconsistenti , rarefatte nel loro incedere. Al contrario di giorno, caotica, anche rumorosa, persone che si muovono da tutte le parti, personaggi originali che ne determinano la sua caratteristica di unicità, mentre le imbarcazioni solcano i canali, la gente sosta nei campi e passeggia tra le calli.
Città e persone catturate, cristallizzate, fissate e bloccate con il tasto STOP come in un frame di un mini movie. Sono prese dalla e nella strada nelle loro normali abitudini, nel loro quotidiano corso vitale e creano racconti la cui foto è solo l’incipit che la nostra immaginazione poi completa a suo piacimento e in totale libertà.

Venice by night and by day, but not the usual touristic city that you may expect. An unusual, solitary, meditative Venice, soft, at night, when even all the sounds are muffled and the few people that animate it seem inconsistent and subtle in their gait. By contrast during the day Venice is chaotic, noisy, with people walking from all parts who, like original characters, determine its characteristic of uniqueness; and in the meanwhile boats ply the canals, people stop in the *campi* (squares) and walk along the *calle* ( alleys).
City and people are captured, fixed and locked with the STOP button in a frame as in a film. Pictures show them in the streets in their usual habits, in their daily course of life and create stories where a photo is only the beginning that our imagination will complete at its will and in total freedom.

Un grazie all’amico Ivano che ha ben saputo emozionarci con queste sue quaranta opere, con questa sua prima esposizione personale.

I bianchi, i neri , i grigi ben si amalgamano con il respiro silente del mio animo.
Vivono le foto nel riflettere certi particolari, colpiscono gli improvvisi tagli di luce, lastricate fughe.
Il bianco va man mano diradandosi e cede lentamente all’oscurità; oscurità che a macchie va rinvigorendosi per lasciare liberi solo flash di luce, bagliori riflessi.
Così gli ultimi raggi si insinuano tra le selci umide di silenti campielli, si allungano sull’incresparsi delle onde figlie della laguna.
Troviamo figure incorniciate da colonne e cieli dechirichiani, par di vedere Magritte alla prese con il sogno delle sue finestre illuminate, alberi del primo Mondrian, suggestioni alla Kandinskij.
Personaggi di tutti i giorni fermi in un unico ed irripetibile scatto, palpito di vita cristallizzato.
Superbi colombi veri regnanti dai tempi immemorabili.
E ancora fondali,scale, colonnati che nascondono amanti nell’ombra.

The whites, the blacks and the grays blend well with the silent breath of my soul.
They live the photos reflecting certain details, affecting the sudden light cuts and paved leaks.
The white is gradually passing away and slowly releases the darkness; dark spots that, reinvigorating , will release only flashes of light, reflected glints.
So the last rays wind among the wet cobblestones of silent squares and stretch on the rippling waves, daughters of the lagoon. Figures are framed by columns in De Chirico skies, it seems to see Magritte who comes to grips with the dream of his lighted windows, trees in the manner of an early Mondrian, Kandinsky suggestions.
Everyday characters stopped in a unique and unrepeatable shoot, a crystallized heartbeat of life . Superb pigeons are the real rulers from time immemorial.
And still warehouses, stairs and columns hide lovers in the shadow.

Giuseppe Iovio
Vicenza , 5 giugno 2015


emeroteca_amedit

Annunci