HOMO NALEDI | Rinvenuti in Sudafrica i resti fossili di un nuovo ominide

Posted on 11 ottobre 2015

0



homo_naledi_nuovo_ominideHOMO NALEDI

Rinvenuti in Sudafrica i resti fossili di un nuovo ominide

di Cecily P. Flinn

homo_naledi_nuovo_ominide (2)La terra conserva, preserva, nasconde, trattiene, e sta all’uomo scavare, disseppellire, scoprire, riportare alla luce. La nostra storia profonda è scritta nei fossili, in sparuti e sbriciolati frammenti ossei fortunosamente sopravvissuti alla macina del tempo. La paleoantropologia sta tentando di stilare una biografia quanto più esaustiva e attendibile di Homo sapiens, e ogni nuova scoperta, piccola o grande, aggiunge qui una parola, lì una frase, e nei casi migliori un intero capitolo. È stato da poco reso noto il ritrovamento di un nuovo antenato dell’uomo, un ominide vissuto circa due milioni e mezzo di anni fa (tra Pliocene e Pleistocene). L’Homo naledi è stato rinvenuto in Sudafrica, non molto distante da Johannesburg, a una profondità di oltre trenta metri, nel grande complesso di caverne di Rising Star, e più precisamente nella caverna Dinaledi Chamber; più gli scavi procedono e più il sito si rivela ricco di depositi fossili di ominidi, forse addirittura il più ricco finora mai scoperto. La ricostruzione dell’Homo naledi è avvenuta attraverso 1500 frammenti ossei (riconducibili a circa quindici diversi individui), e fin dal primo momento era ben chiaro che ci si trovava di fronte a una specie sconosciuta.

Homo naledi era alto circa un metro e mezzo e pesava mediamente quarantacinque chili; il suo cervello, non particolarmente sviluppato, all’incirca delle dimensioni di un’arancia, era simile a quello degli scimpanzé. Nel suo insieme mostra caratteristiche intermedie tra Australopithecus e Homo, un curioso equilibrio tra primitivismo e modernità; gli arti inferiori presentano caratteristiche simili a quelli di Homo sapiens, ma la conformazione del bacino è più vicina a quella dell’Australopithecus afarensis. La particolare conformazione ossea ci dice che Homo naledi poteva sia arrampicarsi agevolmente, sia camminare e correre; si credeva che l’Homo in posizione eretta avesse progressivamente perso l’abilità di salire sugli alberi, ma ecco che questo nuovo ominide smentisce clamorosamente la diffusa convinzione. Le proporzioni delle dita sono simili a quelle dell’uomo, con falangi però molto incurvate (anche più incurvate dell’Australopithecus); anche la conformazione dei piedi è molto simile a quella dell’uomo, «…quasi indistinguibili da quelli di un essere umano» ha dichiarato senza nascondere lo stupore William Harcourth-Smith, uno dei tanti studiosi che hanno preso parte alla ricerca. La scoperta, di importanza davvero straordinaria, è stata annunciata dall’Università del Witwatersrand (Sudafrica), dalla National Research Foundation (Sudafrica) e dalla National Geographic Society. Presto saranno resi noti sulle riviste scientifiche specializzate informazioni ancora più dettagliate (la rivista internazionale National Geographic ha annunciato un numero speciale entro ottobre 2015).

homo_naledi_nuovo_ominide (3)

Notizie così non si danno tutti i giorni, almeno in paleoantropologia. Homo naledi è stato analizzato da un’equipe internazionale coordinata dal noto paleoantropologo Lee Berger (nel gruppo anche un italiano, Damiano Marchi dell’Università di Pisa). Nelle caverne di Rising Star sono emersi resti fossili sia di adulti che di bambini, e molti indizi lasciano intendere che possa trattarsi di una specie di protonecropoli (i corpi, infatti, sembrano deposti intenzionalmente, come in ossequio a un rituale). Si tratta solo di una suggestiva supposizione, dato che le prime forme di pratica funeraria risalgono com’è noto a 200.000 anni fa, tuttavia una così grande concentrazione di corpi in uno stesso luogo fa molto riflettere; al momento si possono solo avanzare ipotesi: una caduta accidentale con fatale intrappolamento, o una tana di un grosso animale carnivoro, oppure i postumi di un’inondazione o di un fenomeno sismico, certo quella della protonecropoli si profila come l’ipotesi più remota. Gli scavi nel complesso e intricato sistema di caverne sono tutt’ora in corso, e non si esclude che possano affiorare altri resti fossili significativi (l’indagine, d’altra parte, non è partita che da due anni).

Un nuovo prezioso antenato, uno zio d’Africa, va a popolare la nostra intricata e lontana parentela, ma ci vorrà del tempo (anni di studi e di meticolose comparazioni) prima di poter raccontare compiutamente la sua storia. Quel che casualmente (e parzialmente) emerge dalle avare viscere della terra non è che una traccia infinitesimale dell’estinta protoumanità, e va da sé che in ambito paleoantropologico tirare le somme è sempre azzardato. Tutto è andato perduto, o quasi. Ed è su quel “quasi” (miracoloso!) che si fonda lo studio sulle nostre origini. Vero è che in questi ultimi tre decenni tante nebbie si sono diradate, e Homo naledi non è che l’ultimo, meraviglioso, raggio di luce.

Cecily P. Flinn

homo_naledi_nuovo_ominide (1)

LEGGI ANCHE:

NEL TEMPO PROFONDO DI HOMO SAPIENS | Homo sapiens | Un saggio di Claudio Tuniz e Patrizia Tiberi Vipraio – Letto e recensito da Amedit

SULLE TRACCE DI HOMO SAPIENS In mostra a Roma la grande storia dell’umanità

ROMA, PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI: Homo sapiens. La grande storia della diversità umana.

FACCE | I mille volti della storia umana | Padova, Orto Botanico, 14 febbraio – 14 giugno 2015)

DA ANIMALI A DÈI  – BREVE STORIA DELL’UMANITA’ | Il nuovo saggio di Yuval Noah Harari

IL PRIMATE RECALCITRANTE | Evoluti e abbandonati – Il nuovo saggio di Telmo Pievani

UNA MIRIADE DI SCIMMIE | Il grande racconto dell’evoluzione umana | Giorgio Manzi (Il Mulino)

I PROGENITORI. Eva mitocondriale e Adamo-Y cromosomale


Cover Amedit n. 24 - Settembre 2015

Cover Amedit n. 24 – Settembre 2015
“Noli Me Tangere” omaggio a Pier Paolo Pasolini.
by Iano 2015

Copyright 2015 © Amedit – Tutti i diritti riservatilogo-amedit-gravatar-ok

Questo articolo è stato pubblicato sulla versione cartacea di Amedit n. 24 – Settembre 2015.

VAI AGLI ALTRI ARTICOLI: Amedit n. 24 – Settembre 2015

VERSIONE SFOGLIABILE

Per richiedere una copia della rivista cartacea è sufficiente scrivere a: amedit@amedit.it

e versare un piccolo contributo per spese di spedizione. 

Annunci