ARTEXPO RAGUSA IBLA | Tra antichi profumi e sapori, i colori dell’arte contemporanea

Posted on 1 settembre 2015

0


ARTEXPO RAGUSA IBLA

Tra antichi profumi e sapori, i colori dell’arte contemporanea

1a edizione
Ragusa Ibla, 12/19 settembre 2015

« Bisogna essere intelligenti per venire a Ibla, una certa qualità d’animo, il gusto per i tufi silenziosi e ardenti, i vicoli ciechi, le giravolte inutili, le persiane sigillate su uno sguardo nero che spia. » (Gesualdo Bufalino)

cartoncino invito

Si inaugura il 12 settembre, a partire dalle ore 18.00, a Ragusa Ibla nelle splendide cornici di Palazzo Cosentini (Patrimonio UNESCO) e Auditorium Vincenzo Ferreri, alla presenza delle Istituzioni, la 1a edizione dell’ArtExpo Ragusa Ibla con Artisti provenienti non solo da tutta Italia, ma anche internazionali (Quatar, USA, Svizzera, Grecia, Russia), e la partecipazione straordinaria di un nutrito gruppo di pittori e scultori ragusani di caratura internazionale. 

Il progetto artistico, a cura di Apai, l’associazione per la Promozione delle Arti in Italia, gode del Patrocinio del Comune di Ragusa, della Provincia Regionale di Ragusa denominata Libero Consorzio Comunale, Antica Ibla e Confindustria Ragusa.

L’intento della mostra, ad ingresso libero, è quello di idealizzare e realizzare un evento inerente i diversi percorsi ed esperienze artistici, cercando di penetrare quelle che sono le evoluzioni e le aspirazioni delle nuove correnti giovanili e non solo, senza scordare il fondamentale ruolo educativo che l’Arte ha sempre avuto e avrà.

I 38 Artisti presenti, con oltre un centinaio di opere in esposizione, vuoi per percorsi personali, vuoi per provenienza, hanno tutti esperienze e conoscenze a livello locale e internazionale; non sono stati vincolati da un filo conduttore univoco, ma lasciati liberi di esprimersi nel tema e nella tecnica più vicini al loro sentire, dando sfogo a personali, primordiali sensazioni e sentimenti, allo scopo di mettere a confronto e far dialogare diversi percorsi espressivi, e contemporaneamente focalizzare i linguaggi contemporanei in un particolare momento di confusione e trasformazione.

Il visitatore, esperto e non, si troverà quindi a percorrere un personale “viaggio” passando attraverso la classicità di paesaggi rurali e marini tipici del territorio ricchi di storia, natura, e bellezza; per approdare all’onirico e al sensoriale, che lo porterà a realizzare l’esperienza della conoscenza e dell’“altrove”, al di fuori dalla sua rappresentazione materiale. Attuando quel viaggio nel mondo inferiore e materiale del “Mondo di Abred”, e trarre esperienza per sviluppare e consolidare la propria coscienza di esistere e di partecipare al Mistero che ha dato origine all’esistenza,alla prospettiva vissuta nel nostro universo nato dal Big bang.

Sul programma collaterale

Per conoscere e conoscersi, e rappresentare il territorio ospitante, si è pensato di contemplare anche un programma collaterale articolato con: la visita al Castello di Donnafugata, e a Punta Secca. Nonché creare un momento conviviale con la cena degli Artisti per degustale le specialità tipiche del territorio ospitante.

 

Laura Lucibello – Ufficio stampa Apai

info@apaiarte.it – 3335994451

Annunci