INCEPTUM CLXXX | Nuova raccolta di Lorena Isabellon con un’antologia sulla Valle d’Aosta

Posted on 19 agosto 2015

0


Inceptum clxxx

Nuova raccolta che include una piccola antologia dedicata alla Valle d’Aosta

“Austèrespenseurs et patriotes des Alpes: grandesâmesd’apôtre”

Autrice: Lorena Isabellon

www.lorenaisabellon.com alla voce “scrittrice”

parfait lanaz (coll.priv. di Lorena Isabellon)

Inceptum clxxx è un’analisi comparativa riferita ai progressi compiuti in 180 anni, riferita a due epoche caratterizzate da grandi conquiste civili, economiche, sociali, scientifiche e tecniche di rilievo: il Settecento: un secolo di profonde trasformazioni e il Novecento: l’età contemporanea, il tempo che sentiamo più vicino. Inceptum clxxx raccoglie una selezione di oltre 900 lungimiranti precursori tra letterati, artisti, filosofi, scienziati e protagonisti della cultura materiale.

Interact: nr 33 categorie sono indicate con la voce: “nessuna nota di rilievo”: si tratta di un invito a condividere la composizione cronologica delle voci mancanti. Gli utenti registrati al mio sito, i visitatori  quotidiani e quelli occasionali  potranno quindi partecipare al completamento della ricerca, inviando le segnalazioni all’email indicata nella home page.

Impreziosiscono questa nuova raccolta: la piccola antologia: “Austèrespenseurs et patriotesdes Alpes: grandesâmes d’apôtre” dedicata alla terra d’origine della Isabellon, la Valle d’Aosta. Seguono due argomenti di riflessione: Le invenzioni – scoperte del Medioevo e, I confini tra fede, filosofia e scienza. A chiusura, una serie di citazioni d’autore, legate ai 5 predetti settori d’osservazione. Del resto la storia, oltre che, di personaggi noti  o meno noti, di fatti e di date, è intessuta di straordinarie “citazioni d’autore”: concetti o sentimenti quasi sempre sublimi; citazioni che sono la sintesi di un pensiero, di una situazione o di una singolare personalità.  Come sempre, la scelta degli autori è legata alle curiosità e simpatie dell’autrice.“Molte sono le venature, molti i canali che alimentano il grande fiume che accoglie la modernità: non solo la filosofia, ma la scienza anzitutto, la poesia, il romanzo, la musica, la pittura. Ho preso in esame due secoli che spaziano da fine Settecento a fine Novecento, nel corso dei quali inventori, scrittori, filosofi, artisti, scienziati hanno esaltato l’autonomia della coscienza, si sono battuti contro l’assolutezza dei dogmi, li hanno discussi, demoliti per far spazio a nuovi valori. Il mio viaggio  comincia con Immanuel Kant (1724-1804) – nella sezione “filosofia” – incarnazione dell’Illuminismo, che sarà in questo cammino la mia guida intellettuale. Qui in questo itinerario culturale cronologico comparativo –Inceptum clxxx –  c’è la sintetica catalogazione (condizionata dall’inevitabile selettività) di quella modernità che è stata soprattutto fiducia. Fiducia nella possibilità di modificare l’esistente, senza smarrire la memoria. Fiducia nella forza creativa dell’individuo. Ora  la nuova generazione che  avanza non parte dalle conoscenze del passato. Non ne è interessata. Ma la storia non finisce. Almeno fino a quando l’uomo saprà vivere guardando la legge morale dentro di sé” 

Info: www.lorenaisabellon.com

Tel: 347.5768175

Annunci