LA FEMMINA MANCATA | Il maschio è inutile | Un saggio quasi filosofico di Telmo Pievani e Federico Taddia | letto e recensito da Amedit

Read Time4 Minutes, 41 Seconds

il_maschio_inutile_pievani_taddiadi Massimo Pignataro

 

In genere, un maschio leader e potente piace alle galline, ai bisonti femmina,

allebabbuine e… ogni analogia con il mondo umano

è lasciata alla valutazione del lettore.

 

Ne Il maschio è inutile Telmo Pievani (filosofo ed evoluzionista) e Federico Taddia (giornalista e autore televisivo) improntano un curioso mix tra scienza evolutiva e satira sociale; al centro del dibattito l’annosa questione del maschio e della sua effettiva utilità in rapporto ai mutevoli equilibri socio-evolutivi. In natura, come ormai è noto, maschio e femmina sono concetti molto relativi. Tutto in natura è sacrificato nel nome della varietà, e le osservazioni scientifiche più recenti non fanno che ribadirlo, a dispetto di ogni strumentalizzazione (religiosa, politica o pseudo-scientifica); nulla è più contronatura della natura, soprattutto in materia di sesso e, più nello specifico, di identità sessuale. «La moneta sonante del successo evolutivo si chiama diversità.» Oggi le moderne tecnologie ci consentono di osservare una natura molto diversa da quella che erroneamente credevamo di conoscere, e i dati finora raccolti concorrono nel descrivere un mondo straordinariamente complesso e articolato, tutt’altro che scontato, privo di schemi fissi. Osservare le varianti del “maschio” in natura è particolarmente illuminante.

il_maschio_inutile_pievani_taddia (3)Pievani e Taddia, con abbondanza di esempi, smontano una volta per tutte il mito del “sesso forte” e riconducono il maschio a un ruolo più marginale, a tratti perfino accessorio. Nel mondo naturale i ruoli maschio-femmina si mescolano, si invertono, si travestono. L’eterosessualità non è affatto l’orientamento dominante, ma solo una delle strategie riproduttive (in natura sono assai diffuse anche l’omosessualità, la bisessualità, l’unisessualità e l’autosessualità, alla faccia della cosiddetta tanto proclamata normalità). Quell’evoluzione che ha lavorato (per milioni e milioni di anni) per far divergere i sessi, è la stessa che oggi sta contribuendo a una sorta di “estinzione del maschio”. Alcune specie di pesci maschi si sono evolute in “nani parassiti” o in appendici penzolanti dal corpo delle femmine (alla stregua di inquietanti scroti ambulanti).

Come in un “fanta-horror femminista”, per usare un’efficace espressione degli autori, qui il maschio si riduce letteralmente alla sua mera funzione fecondativa. Ci sono inoltre specie in cui le femmine si autofecondano, altre in cui si convertono temporaneamente in maschi. Pesci, uccelli, rettili, insetti, mammiferi… nella stragrande maggioranza dei casi il maschio paga a caro prezzo l’opportunità di riprodursi (e di riuscire così a trasmettere i suoi geni). «Tocca fare di tutto per rimediare un amplesso: corteggiamenti, imbrogli, esibizioni nuziali, ornamenti vistosi, colorazioni, danze, canti, nuotate artistiche, invocazioni, odori penetranti, sfilate e bullaggini d’ogni sorta.» Il sesso richiede un grande dispiego di energie, chi la dura la vince, a tutto vantaggio del rimescolamento dei geni.

il_maschio_inutile_pievani_taddia (2)Da un’ottica strettamente evoluzionistica, osservano Pievani e Taddia non senza una punta di ironia, essere maschi è troppo dispendioso; sembra inoltre che i genetisti abbiano scoperto che i cromosomi maschili stanno forse lentamente decadendo, poiché più fragili e suscettibili di mutazioni deleterie. In altre parole, il sesso maschile propriamente detto si starebbe biologicamente estinguendo perché inutile«… e fra non molto anche le femmine di primati troveranno soluzioni alternative per far proseguire comunque l’evoluzione.» Alla divulgazione scientifica gli autori (due aitanti maschietti) affiancano un’interessante riflessione su certi stereotipi ancora legati al maschio Homo Sapiens. Scopriamo così, con un certo sollievo, che il maschio inutile è quello fine a se stesso, quello ingabbiato in una mascolinità stantia, banale e noiosa, incapace di rivelarsi nelle sfumature, incapace di virilizzarsi attraverso un’intrinseca femminilità. La natura insegna, e i maschi della nostra specie farebbero meglio a studiare più la biologia e meno la bibbia, sì perché il mondo non è fatto di casti profeti e puerpere immacolate ma di albatros lesbiche e bisonti omosessuali, di bisessuali ermafroditi come le chiocciole e le orate, di molluschi e crostacei che si autofecondano e di tantissime altre specie transgender (come il pesce pagliaccio) che cambiano sesso a seconda delle circostanze. La natura è un arcobaleno, a dispetto del grigiore innaturale di certe culture involute (il riferimento va a quelle catto-destre che per negare i diritti altrui s’appellano a una fantomatica coppia naturale).

il_maschio_inutile_pievani_taddia (4)Maschi e femmine, spiegano gli autori, non sono due entità separate ma piuttosto «due varianti, sessualmente definite, dello stesso piano corporeo fondamentale, che si differenziano nelle fasi successive dello sviluppo embrionale.» Di qui la definizione di maschio quale “femmina mancata” (i capezzoli maschili sono residuali di quest’opportunità sfumata), e a questo proposito rimandiamo a uno dei capitoli più interessanti del saggio: Capezzoli, clitoridi e altre piacevoli inutilità. Capitolo dopo capitolo il maschio è messo a nudo, smontato, rivoltato, a tratti ridicolizzato; per ogni maschio inutile però ce n’è uno utile, e lo dimostrano tutte le testimonianze che gli autori hanno scelto di allegare al testo scientifico, storie di maschi straordinari che hanno elevato l’inutilità a una sorta di forma d’arte (“Tutta l’arte è inutile”, diceva Oscar Wilde). Tra le storie colpisce quella di Luigi Lineri, ottantenne della provincia di Verona, che dai primi anni Sessanta ha raccolto e classificato migliaia e migliaia di sassi. «[…] Il fiume diventa la sua seconda casa, mentre la prima si trasforma nel deposito di quelle pietre in cui lui intravede teste di pecora o di pesce, bovini, profili di donna, falli maschili e becchi d’uccello.» e in uno dei suoi sassi il vecchio Luigi giura di vedere «l’emblema della procreazione, l’inizio di tutto.»

Massimo Pignataro

il_maschio_inutile_pievani_taddia (1)

 _______________________

Copyright 2015 © Amedit – Tutti i diritti riservatilogo-amedit-gravatar-ok

Questo articolo è stato pubblicato sulla versione cartacea di Amedit n. 22 – Marzo 2015.

VAI AGLI ALTRI ARTICOLI: Amedit n. 22 – Marzo 2015

Per richiedere una copia della rivista cartacea è sufficiente scrivere a: amedit@amedit.it e versare un piccolo contributo per spese di spedizione. 

0 0

About Post Author

One thought on “LA FEMMINA MANCATA | Il maschio è inutile | Un saggio quasi filosofico di Telmo Pievani e Federico Taddia | letto e recensito da Amedit

  1. ma che è ‘sta roba? ma sempre a distruggere questo disgraziatissimo maschio state? ma due coglioni. e con la solita scusa dell’ironia….ma basta. BASTA VERAMENTE. anche la biologia rigirata come una frittata…si potrebbe anche dire allora che il corpo maschile è un’evoluzione, dato che sviluppa dopo, se si vuole fare i sessisti ammodino. ma quello guai a dirlo. ora solo il femminile conta, fino alla nausea. ma vi fa proprio tanto schifo ‘sto maschio? non ne posso più. ma poi per difendere i vari orientamenti sessuali e relative varianti bisogna sempre stare a distruggere ‘sto maschio in quanto tale. ci sono estremismi da rivedere, ma questa fissa sulla distruzione di un genere (che guarda caso ad alcuni orientamenti piace pure e parecchio) acriticamente e fino alla nausea ha rotto. ma poi gli esempi dei pesci abissali! un mix patetico e paranoico.

Rispondi

Next Post

SPIRA MIRABILIS | Intelligenza musicale collettiva

Mer Apr 1 , 2015
a cura di Giancarlo Zaffaroni Spira mirabilis è un progetto di studio musicale con diversi aspetti interessanti anche extra-musicali, uno spiraglio di speranza per la sopravvivenza della tradizione musicale occidentale, forse un nuovo modello di produzione culturale. Iniziò sette anni fa per iniziativa di Lorenza Borrani, Timoti Fregni e Giacomo Tesini. Quest’ultimo ci illustra spirito, obiettivi, metodi e risultati del […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: