SINNER | ovvero… una skekkata salverà il mondo

Read Time4 Minutes, 33 Seconds

sinner_Kuriousdi Lillo Portera / fotografie di Giuseppe Vitariello

sinner_Kurious (1)Sinner, che all’anagrafe risponde al nome certo più rassicurante di Francesco Fidati, è un singer-performer trasformista originario di Ruvo di Puglia (provincia di Bari). Tanto il suo conciso nome d’arte – che letteralmente si traduce in “peccatore”, e che foneticamente richiama anche “singer”, ossia cantante – quanto i suoi scostumati e coloratissimi outfit lasciano poco spazio all’immaginazione. A ventotto anni, con alle spalle una lunga gavetta nei dance-club come ballerino e cantante, Sinner ora sta tentando di ritagliarsi uno spazio nella scena pop internazionale. Il primo singolo (accompagnato da un patinatissimo videoclip) è il trascinante Don’t Deny the Disco, e risale alla fine del 2012. L’ultima fatica è Kurious, che ha totalizzato più di 600.000 views sul canale youtube (oramai i consensi si misurano in click piuttosto che in dischi venduti). Due brani smaccatamente dance, ben confezionati, che si riallacciano a certe atmosfere dub glam-rock e techno-pop fine anni Ottanta inizi Novanta, con dichiarati ammiccamenti alla Madonna di Like a prayer, Erotica, Justify my love e Human nature. Nella prima produzione discografica di Sinner c’è spazio anche per una tradizionale ballad, Thinking of you (anche questa accompagnata da un curatissimo videoclip).

L’attenzione mediatica su Sinner si è riaccesa con il caso della Drag Queen Conchita Wurst, vincitrice a sorpresa degli “Eurovision Song Contest 2014” con il brano Rise like a Phoenix.
Senza voler rintracciare a tutti i costi un talento particolare nella figura di Sinner (certo non è il classico cantautore), e pur riconoscendogli l’estro e la bravura, diciamo subito che la sua singolarità risiede soprattutto in quella beata, compiaciuta, disinvolta e militante frociaggine (usiamo il termine nella sua accezione più briosa e positiva) che, dietro l’apparente frivolezza fine a se stessa, rivela e urla un preciso messaggio sociale e politico: una scheccata salverà il mondo! (e ci sarebbe da scommetterci). Nella sua intrigante iper-gayezza più che macchiettistica, a tratti quasi fumettistica, il performer è fin troppo barocco ed esplicito, tanto da essersi guadagnato meritatamente l’appellativo, molto impegnativo, di “Lady Gago”. La composita iconografia di Sinner è uno shake che spazia dai damerini patinati di Pierre et Gilles ai leather-tender-bear di Tom of Finland, con richiami a James Bidgood e a Querelle de Brest: di tutto un po’ insomma, ma sempre in ossequio alle coordinate del raimbow-power; tuttavia, senza scomodare troppo i padri fondatori del “Pink Think”, potremmo più semplicemente ricondurre Sinner a quell’estetica del gaio indomito compresa tra le uniformi attillate dei Village People e gli short di lurex di Jake Shears (frontman degli Scissor Sister).

sinner_Kurious (3)Oggi Sinner, con i suoi baffetti tutt’altro che duchampiani o daliniani, riesce a catalizzare l’attenzione, a stranire, suscitando reazioni che vanno dalla semplice ammirazione, alla risatina di sufficienza fino alla più netta riprovazione: lo scandalo, si sa, vale finché c’è chi si scandalizza. «Fino a trent’anni fa – ha dichiarato il cantante in una recente intervista – il panorama musicale era pieno di personaggi androgini. Basti menzionare Grace Jones, Pete Burns, David Bowie, Boy George, Marilyn, e in Italia i cantautori Ivan Cattaneo e Renato Zero.» Se ancora oggi c’è chi storce il naso di fronte a una mascolinità alternativa (rimodulata, femminilizzata, ibridata, comunque ridiscussa) vuol dire che forse di passi avanti non se ne sono fatti abbastanza; al di là del discorso strettamente musicale, figure come quelle di Sinner restano comunque “educative” in chiave antiomofobica. Online è visibile il trailer del “The Switch Control Tour”, dove il performer cita dichiaratamente la Madonna (Ciccone) assisa e, per non scontentare nessuno (sennò apriti cielo!), anche la nuova icona gay Lady Gaga. Il cosiddetto mondo gay difficilmente si lascerà affascinare da un siffatto modello (preso com’è a identificarsi con le Kylie Minogue, le Paole e le Chiare, e comunque con donne biologiche etero-orientate), e l’unico mercato cui Sinner può oggettivamente aspirare, e lo diciamo a ragion veduta, è quello strettamente eterosessuale femminile (con picchi nella fascia teen 12-17).

sinner_Kurious (4)

Nel brano I’m a sinner (tratto dall’album MDNA) Madonna canta: «I’m a sinner, I’m a sinner, I like it that way…» Ecco, la poetica del nostro eccentrico e poliedrico Sinner sembra sintetizzata in questo jingle. In Sinner, come nell’epigono Osvaldo Supino, non c’è nessuna pretesa autorale, sebbene il talento non manchi affatto, ma solo una sana variopinta e liberatoria queer-kermesse a suon di borchie, lustrini, piercing, frustini, guepiere, latex, baffetti (ce li stavamo dimenticando!)… e tanto, tanto make-up!

Lillo Portera

sinner_Kurious (2)
Copyright 2014 © Amedit – Tutti i diritti riservati. Severamente vietata la diffusione senza citazione della fonte: “Amedit Magazine – Giugno 2014”.

LEGGI ANCHE:

OSVALDO SUPINO | Livin’ Again, il nuovo singolo

IN BARBA A PUTIN | Conchita Wurst trionfa all’Eurovision Song Contest 2014

BOY GEORGE VOCE REGINA: This is what I do | Il nuovo album solista di Boy George

LO STRAORDINARIO ALIENO Torna Boy George con Ordinary Alien

THANK YOU, ANTONY – Esce il live Cut the world di Antony and The Johnson

L’INEBRIANTE PROFUMO DEL GENIO. Esce Put your back N 2 IT, il secondo album di Perfume Genius

ICONA – NEVER MARRY AN ICON. Madonna ovvero trent’anni di apparizioni

Cover Amedit n° 19 - Giugno 2014, "Barbatrucco" by Iano
Cover Amedit n° 19 – Giugno 2014, “Barbatrucco” by Iano

Copyright 2014 © Amedit – Tutti i diritti riservatilogo-amedit-gravatar-ok

Questo articolo è stato pubblicato sulla versione cartacea di Amedit n. 19 – Giugno 2014. 

GUARDA LA VERSIONE SFOGLIABILE

VAI AGLI ALTRI ARTICOLI: Amedit n. 19 – Giugno 2014

Per richiedere una copia della rivista cartacea è sufficiente scrivere a: amedit@amedit.it e versare un piccolo contributo per spese di spedizione. 

0 0

About Post Author

Rispondi

Next Post

IN BARBA A PUTIN | Conchita Wurst trionfa all’Eurovision Song Contest 2014

Mar Giu 24 , 2014
di Lillo Portera Talvolta radersi o non radersi può davvero fare la differenza. Soprattutto per una Drag Queen, e specie se la fantomatica rasatura mancata viene eccezionalmente a coincidere con un’esibizione canora in eurovisione, di fronte a milioni di telespettatori. Lo sa bene l’austriaca Conchita Wurst, all’anagrafe meglio conosciuta come Thomas (Tom) Neuwirth, che alla femminilità del pizzo ha osato […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: