FRANCIA: QUANDO I DIRITTI CIVILI POSSONO ATTENDERE

Read Time4 Minutes, 9 Seconds

di Carlo Camboni

marcia-anti-gay-parigi-300x225Il governo francese ritira il disegno di legge sulla famiglia che regolamenta, tra l’altro, procreazione assistita e utero in affitto.

Sono ore in cui le strumentalizzazioni politiche in Francia si sprecano, fa parte del gioco politico, del tornaconto elettorale in vista delle prossime elezioni locali a marzo; l’argomento è delicato ed esplosivo allo stesso tempo e il Presidente Hollande ha reso noto che il progetto di legge non era ancora pronto; certo che Il Presidente ha avuto le sue gatte rognose da pelare durante l’approvazione della legge sulle nozze gay che stabilisce un principio di legalità e in quell’occasione ha conosciuto bene il nemico Conservazione che si annida in tutti gli anfratti istituzionali ma ancor di più nell’opinione pubblica, così suscettibile su questi temi. Ben venga un risveglio, un dibattito culturale sulla bioetica, ad avercelo!

Di sicuro c’è solamente il fatto che in un momento di isteria collettiva slitta di un anno la discussione per l’approvazione della legge, si prende tempo in un frangente in cui il governo francese è debole e vulnerabile per i dati su economia e lavoro mai così allarmanti e quindi cavalcati come un’onda anomala che tutto travolge da una bizzarra accozzaglia di movimenti che vanno dalla destra xenofoba ai fedeli musulmani, dai cattolici integralisti agli anti europeisti: manifestanti resi gaudenti e uniti dal mal comune omosessuale in funzione anti Hollande, antichi nemici in nome dei giorni della Collera sono ora nelle piazze e minacciano roghi con cartelli da Inquisizione; il progresso e la felicità di molte famiglie passa in secondo piano rispetto alla presunzione della presunta maggioranza – in questo caso affatto silenziosa -, soprattutto se le priorità sono altre in un momento di crisi economica così tangibile per tutti.

C’è sempre ben altro da fare quando si tratta di diritti civili e di progresso, pure nella Francia socialista di Hollande.

E sia chiaro: sulle prime pagine di “Le Monde” e “Liberation” di oggi si parla di nuove misure e un nuovo piano sanitario voluti da Hollande per la lotta alle ingiustizie nella cura del cancro, segno di un dibattito politico di alto livello, di una politica interessata al sociale, non solamente alla quadratura dei bilanci.

Focalizzerei l’attenzione su ciò di cui si parla tentando l’azzardo di raschiare il barile del déjà vu, quasi inevitabilmente: nel Parlamento italiano si viene aggrediti e presi a schiaffi per molto poco, una cosa che mi fa orrore… chi mai pronuncerà la parola “utero” seguita da “affitto” senza scatenare le Parche e la furia dei sedicenti moderati di destra e sinistra?

Il tabù sessista è inversamente proporzionale alla preparazione (scientifica) dei nostri parlamentari, e una regolamentazione legislativa su diritti civili e bioetica, urgente e necessaria, merita non solo un approfondimento nelle sedi istituzionali ma un dibattito serio nelle scuole, nelle famiglie, nelle case.

-All’obiezione “con tutti i problemi che abbiamo ti sembra il caso di…” si deve rispondere con l’informazione.

In un periodo storico in cui le sinistre europee sono deboli e prive di una visione a lungo termine ma preoccupatissime di trovare un nemico in cui specchiarsi, si dovrebbe scommettere sui diritti, sulle riforme a costo zero, ripartire da idee nuove, reinventarsi.

Il ritornello è sempre lo stesso, non fingo di non ricordarlo: per proporre e approvare questo tipo di provvedimenti si deve essere politicamente forti, avere una legittimazione popolare forte, pena l’abdicazione totale, la resa o, peggio, l’inazione e Hollande in questo senso insegna, la sua è pura strategia politica, l’arte del rimandare.

La fecondazione è un atto fondamentalmente personale, oltreché biologico, e, alla luce dell’antropologia personalista, credo nell’imprescindibile esclusività dell’essere umano e quindi della coppia o del singolo che decide di partecipare alla fecondazione responsabilmente, posto che la regolamentazione deve escludere il ricorso a volte neanche tanto celato all’eugenetica.

Per legiferare, per lottare insieme per queste leggi nella nostra amata Italia partirei da queste considerazioni.

Carlo Camboni

logo-amedit-gravatar-ok

Copyright 2014 © Amedit – Tutti i diritti riservati

LEGGI ANCHE: 

PINK DIFFERENT. Il ragazzo dai pantaloni rosa è un’invenzione

LA PAURA DELL’UGUALE Omofobia, ovvero della civiltà al tempo in cui Bertone filava di Pier Angelo Sanna

Depenalizzazione dell’omosessualità No del Vaticano alla proposta Onu

Proposta dell’Unione Europea per una dichiarazione ONU che condanni formalmente le discriminazioni contro gli omosessuali

OMOFOBIA. La mappa della discriminazione

OMOFOBIA, VERGOGNA ITALIANA: UN PAESE ALL’ANNO ZERO

LA FAMIGLIA TRA DISPARITA’ E PREGIUDIZIO IDEOLOGICO di Giancarlo Zaffaroni

L’INDIVIDUO E’ PATRIMONIO DELL’UMANITA’ di Giuseppe Maggiore

FIZZOS ‘E ANIMA. Sull’adozione e sulla mistica della famiglia di Pier Angelo Sanna

IL RAGAZZO DAI PANTALONI ROSA. Lettere di Amedit di Redazione Amedit

ADOZIONI COPPIE GAY: IL VALORE DELL’UGUAGLIANZA NON E’ NEGOZIABILE di Carlo Camboni

LETTERA INUTILMENTE APERTA di Pier Angelo Sanna

ROSA CHE DIR SI VOGLIA… di Gianfranco Zaffaroni

NOI CHE A VERCELLI… di Marco Genti

Lettera aperta ai miei amici cattolici di Gian Mario Felicetti

Il potere dei simboli: come guidare con facilità le masse. di Giuseppe Campisi

0 0

About Post Author

Rispondi

Next Post

Colletti Criminali. L’intreccio perverso tra mafie e finanze nell’analisi di Jean-François Gayraud e Carlo Ruta.

Sab Feb 22 , 2014
La «mano invisibile», regolatrice dei mercati, è una finzione. Ben altre mani fanno sentire il loro peso sul mondo reale e nei santuari della finanza, Wall Street in testa: sono quelle del crimine. L’incontro tra malaffare e «colletti bianchi» è una realtà che non interessa solo livelli marginali dell’economia, ma che ormai riguarda aree strategiche del sistema. Jean-François Gayraud e […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: