OCCHI SENZA PUPILLE. Il nuovo romanzo di Giuseppe Benassi

Read Time4 Minutes, 55 Seconds

…Ma non vedi che i ritratti di Modì sono dei golem?

Degli automi viventi? Come si fa a essere così ciechi, e a non capirlo?

di Leone Maria Anselmi

occhisenzapupilleOcchi senza pupille è il quarto romanzo di una serie ambientata in Toscana, in particolare a Livorno, e che ha per protagonista la figura dell’avvocato Borrani (alter ego forse dell’autore, anch’egli di professione avvocato, nativo di Reggio Emilia).

I tre titoli precedenti, editi tra il 2010 e il 2011, sono nell’ordine: L’omicidio Serpenti o L’enigma del Bosco sacro, Invidia e Omicidio a Calafuria ed altri putiferi. La formula narrativa individua significativamente nello studio di un avvocato un crocevia di storie e di destini, un punto d’osservazione privilegiato sul mondo, sulle persone, su una realtà solo apparentemente ordinaria e sempre imprevedibile. Borrani siede alla sua scrivania e queste storie bussano alla sua porta, lo coinvolgono, lo trascinano, lo proiettano in una dimensione viepiù sospesa tra realtà e sogno, tra verosimile e assurdo, in un crescendo di misteri e rivelazioni che alla fine lo riconduce, come se nulla fosse accaduto, alla sua contingenza, al suo ufficio, alla sua vita di sempre. Ogni storia (prim’ancora di pronunciarsi e di rivelarsi in tutta la sua complessità) si presenta sottoforma di cliente, un cliente che per l’appunto si rivolge a un avvocato per ottenerne l’aiuto, la protezione, le dritte, i consigli giusti. E fin qui tutto come da prassi, e sarebbe normale routine se il cliente non tardasse invece a rivelarsi per l’avvocato una vera e propria incognita, un rebus, un codice da decriptare. <<…E gli tornarono in mente le facce dei clienti appena visti, e quelle del sogno fatto poco prima, e addormentatosi sognò facce ancora nuove, facce buffe e facce tristi, ridenti o contratte in una smorfia, reali o immaginarie, facce brutte e facce belle, di vivi e di morti, di uomini e di bestie, di dei e di cani, e pensò nel sogno la sua vita come un’infinita e sempre mutevole galleria di visi o di musi, di volti e di ghigni che si affacciano, salutano, dicono qualcosa o non dicono niente, e poi svaniscono nel nulla.>> (da L’omicidio Serpenti).

In Occhi senza pupille la cliente di turno è la misteriosa signora Repetti (ribattezzata Madame Coulotte), una ex antiquaria di mezza età con grossi problemi finanziari che per sbarcare il lunario ha dovuto ripiegare su una bancarella del mercato vendendo libri e vecchie bambole da collezione. A pregare Borrani di aiutare la Repetti è un tale commendatore Eustachio Bernardi, ribattezzato per la stazza generosa Monsieur Coulon, figura altrettanto ambigua e fuggevole. Il problema più impellente della Repetti si rivela presto quello dell’uomo che ha sposato, un giovane marocchino nullafacente (ribattezzato per la corporatura snella e atletica Monsieur Coulin) che la sfrutta e la maltratta. La vicenda nasconde lati più oscuri e complessi e Borrani, suo malgrado, senza darsi una ragione ben precisa, se ne sente attratto. Alla vigilia di un breve romantico week-end a Parigi con la sua amante-compagna (la Messori) Borrani riceve dalla Repetti una singolare richiesta: portarle dal mercato delle pulci di Parigi degli occhi per le sue bambole. Di qui in avanti, in un singolare alternarsi tra vicende reali e visioni oniriche, la storia prende gradualmente una piega metafisica ed esoterica. La Messori, che prima Borrani giudicava solo una donna frivola e superficiale, si rivela tutt’un tratto un’appassionata di scienze ermetiche e che quel viaggio a Parigi per lei era finalizzato a ben altro che alla loro liaison. C’era un mistero, un mistero tutto da sondare, e questo mistero riguardava dei disegni perduti, dei ritratti alla poetessa Anna Achmatova di… Amedeo Modigliani! Borrani non crede alle sue orecchie mentre la Messori gli sciorina le sue conoscenze in materia d’esoterismo, chiamando in causa teosofi, cabalisti, alchimisti, fino alle avanguardie artistiche nate a Parigi nel primo Novecento. <<…Amedeo aveva scoperto a Parigi il segreto per potenziare se stesso, moltiplicarsi, superare i limiti della ragione, trasformare magicamente se stesso! (…) Ma non vedi che i ritratti di Modì sono dei golem? Degli automi viventi? Come si fa a essere così ciechi, e non capirlo? Amedeo era riuscito, nella magica Parigi di quegli anni, a collegarsi con le forze cosmiche!>> La Messori non ha dubbi, e chiama in causa per sino la “sezione aurea” e i versi dell’Apocalisse per dare credito alla sua tesi; in quei disegni (andati perduti forse negli anni della rivoluzione bolscevica) si celerebbe una sorta di segreto sapienziale, una verità che il pittore (da buon alchimista) avrebbe criptato negli occhi dei suoi ritratti. L’avvocato Borrani, all’inizio scettico, si lascia man mano affascinare dalla suggestione e individua una misteriosa relazione tra gli occhi senza pupille di Modigliani e gli occhi delle bambole della Repetti.

Il romanzo si muove tra due piani paralleli, non separati ma sovrapposti; l’oggettività delle realtà esteriori appare come sorvegliata da un “terzo occhio”, l’occhio interiore, l’occhio con la pupilla rivolta altrove. Anche i luoghi (Livorno e Parigi) rimandano a percorsi iniziatici e onirici, e Borrani attraversa gli uni e gli altri in un’unica soluzione di continuità. L’interazione tra vita vissuta e vita sognata è una costante nel metro narrativo di Benassi e la ritroviamo in tutti e quattro i romanzi. La struttura interna del romanzo rispetta la convenzione del “giallo” (il mistero alla fine sarà svelato, e se non lo anticipiamo è per non sottrarre piacere alla lettura), tuttavia Benassi riesce a proiettare il lettore ben oltre lo schema tradizionale del “genere” aprendo altri percorsi nel tessuto narrativo. Una scrittura elegante, colta, ispirata, estremamente piacevole e densa di rimandi. Occhi senza pupille, fresco di stampa, è edito da Vertigo (collana Approdi).

logo-amedit-gravatar-okLeone Maria Anselmi

Copyright 2012 © Amedit – Tutti i diritti riservati

VAI AGLI ALTRI ARTICOLI AMEDIT MAGAZINE N° 13

LEGGI ANCHE:

IL BOSCO SACRO DI BOMARZO di Giuseppe Benassi

0 0

About Post Author

Rispondi

Next Post

IL DRACULA D’ARGENTO

Ven Dic 21 , 2012
di Carlo Camboni   Presentato fuori concorso alla 65° Edizione del Festival di Cannes,  arriva finalmente nelle sale Dracula 3D il nuovo film del regista Dario Argento girato in 3D e basato sul romanzo cult dello scrittore irlandese Bram Stoker. Il conte Vlad, vampiro immortale, miete ancora vittime tra lettori e spettatori perché rappresenta il diverso, la tentazione, il lato […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: