PALAGONIA: RI-SCOPRENDO I NOSTRI MONUMENTI

Read Time3 Minutes, 10 Seconds

IMG_0976Mini redazione degli alunni I.C. “G. Ponte” Palagonia, coordinata dalla maestra Anna Receputo.

La riapertura della Chiesa dell’Immacolata e della chiesetta di Belverde, è la dimostrazione che la determinazione, l’impegno e la passione permettono di realizzare progetti che, spesso, appaiono impossibili. Il terremoto del 13 Dicembre del 1990 segnava il declino della Chiesa dell’Immacolata non solo come struttura, ma come comunità parrocchiale. Più devastante del terremoto si è rivelata, però, l’opera dei ladri che spogliarono il sacro edificio del suo notevole patrimonio artistico quale il maestoso tabernacolo ligneo del ‘700, opera di Fra Cherubino, insieme ad alcune pregiate tele, ai paliotti degli altari e a una parte della balaustra. Dichiarata inagibile i fedeli, pur se accolti per lungo tempo nell’Istituto “Cristo Re” delle suore Orsoline, nell’istituto S. Giuseppe e nella Parrocchia Maria SS. di Trapani, si sono sentiti orfani e quasi privati della loro identità parrocchiale. Così un gruppo di loro, consapevoli che a causa della grave crisi economica mai la Sovrintendenza BB. AA. CC. potrà stanziare tutti i fondi necessari al completo restauro, si è costituito in comitato.

IMG_0989Attraverso varie iniziative è stata sensibilizzata l’intera comunità palagonese che sta contribuendo generosamente alla raccolta fondi. Tanti volontari, fra cui un gruppo di artigiani e affermati professionisti come gli architetti Saverio Sinatra, Massimo Calcagno e Rosario Leonardo, gratuitamente stanno offrendo il loro tempo, le loro competenze insieme ad un grande entusiasmo, per far sì che finalmente la Parrocchia dell’Immacolata ritorni ad essere un luogo di spiritualità e di aggregazione per tutta Palagonia. La riapertura della chiesetta di Belverde è stata, invece, voluta  fortemente dalla sig.ra Maria La Rocca. Questa chiesetta era la cappella privata della famiglia Cosenza. Edificata verso la metà dell’800 per celebrare l’istituzione anche a Palagonia della “Fiera di Valverde” ribattezzata “Fera di Biedduvirdi”. Tale fiera si svolgeva proprio in prossimità della chiesetta dei Cosenza che la dedicarono alla Madonna di Valverde. La sig.ra Maria è una persona molto loquace, solare e simpatica; con grande orgoglio ci ha raccontato che ogni volta che passava davanti alla chiesetta, vedendola chiusa, in cuor suo si ripeteva che si sarebbe impegnata fino alla stremo per permettere la sua riapertura. E oggi, grazie all’impegno fisico ed economico suo e degli abitanti del quartiere, la minuscola chiesa della Madonna di Belverde è aperta tutti i giorni. Tante sono le iniziative che la signora La Rocca ha in programma per raccogliere i fondi necessari alla sua completa sistemazione. Noi non eravamo mai entrate in questa graziosa cappella né nella Chiesa dell’Immacolata. Quest’ultima l’avevamo conosciuta solo attraverso dei video e ai racconti degli anziani in occasione del concorso “Do voce a quanto racconta il nonno”. Entrarvi per la prima volta è stato come ricevere un pugno allo stomaco. Vedere la devastazione causata dai furti ci ha rattristate tanto e, nello stesso tempo, riempite di rabbia al pensiero che ci sia gente senza scrupoli capace di profanare la casa di Dio. Anche noi abbiamo deciso di impegnarci e portare avanti alcune iniziative per contribuire al restauro di questo piccolo gioiello, patrimonio religioso, artistico e culturale della nostra città. Sarà bello poter dire: “Anche noi abbiamo fatto la nostra parte”.

 logo-amedit-gravatar-okSimona Bardaro, Erica Brancato, Chiara D’Amico, Giulia Di Stefano, Antonella Vaccaro.

Copyright 2012 © Amedit – Tutti i diritti riservati

VAI AGLI ALTRI ARTICOLI AMEDIT MAGAZINE N° 13

LEGGI ANCHE:

IL RESTAURO DEL CONVENTO DI PALAGONIA

PALAGONIA: RIAPERTA LA CHIESA DI BELVERDE

Palagonia – Tesori perduti. Chiesa Immacolata Concezione.

PALAGONIA: UN CENTRO STORICO IN ASSOLUTO DEGRADO. MONUMENTI E SITI IGNORATI

LA BEFANA E IL BAMBINO DEI CAVOLFIORI

UN VIAGGIO ALLA RISCOPERTA DELLE TRADIZIONI PALAGONESI

PALAGONIA: IL CRISTO RIENTRA AL CONVENTO DOPO 22 ANNI

UNA NUOVA PASQUA A PALAGONIA: OLTRE IL FOLCLORE LA FEDE

“Quella preziosa eredità dei nostri padri nei Riti della Settimana Santa…”

Palagonia: Congregazioni e studenti a confronto per ricostruire le radici religiose e culturali di una festa popolare

PALAGONIA: REPORTAGE FOTOGRAFICO SETTIMANA SANTA 2012

0 0

About Post Author

Rispondi

Next Post

USI E COSTUMI PALAGONESI: UN BENE PREZIOSO

Mer Dic 19 , 2012
In questi ultimi anni è sempre più emersa l’importanza di guidare i bambini alla scoperta del proprio paese, nella sua realtà umana, nelle sue strutture, nella sua storia, nelle sue tradizioni, nei suoi usi e nei suoi costumi, per contribuire a creare un clima di unione, di appartenenza ad un territorio, di accettazione, di rispetto e di cooperazione. Per questo […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: