RESTITUIAMO MICHELE MEGNA A PALAGONIA

Read Time6 Minutes, 44 Seconds

DALL’ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI PALAGONIA

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO IL SEGUENTE ANNUNCIO DI INTITOLAZIONE DELLA SCUOLA ALLA FIGURA DI MICHELE MEGNA.

“Professoressa, cosa ne pensa se realizziamo il logo della scuola?” Ci misi un attimo a capire… Era il Dirigente dell’IIS Palagonia a parlare, seduto sulla scrivania della Presidenza. Stava leggendo una circolare sul “Comenius”; in realtà, stava guardando ammirato i loghi delle varie agenzie della “Youth on the move” che mi ero divertita ad assemblare in vista della partenza del primo incontro internazionale degli studenti. Quel giorno il sole era splendido e pareva si fosse posato su quei loghi risaltandone i colori.

Appoggiando gli occhi su uno di essi pensai …”Anch’io avrei avuto la stessa idea”.

“Preside, un logo?” Pronunciai … con voce che descriveva stupore, ma… la mia mente era già proiettata al concorso da presentare ai ragazzi. Fu naturale dirgli – la voce fluiva come se ciò che dicessi fosse proprio scontato – con un po’ di quella intraprendenza e immediatezza che mi contraddistinguono:

“Preside ancora prima di un logo la scuola ha bisogno di un nome”.

“Si, professoressa, è proprio ciò che stavo pensando”, rispose lui.

Ci intendemmo subito. L’indomani, dopo una notte di lavoro, gli esposi la proposta da presentare in Consiglio di Istituto.

“Così presto professoressa?” Mi chiese stupìto.

“Si certo, Preside … Il suo è stato un pensiero importante che va sostenuto da subito”, gli risposi.

Espletate le procedure burocratiche, preparai la circolare dei bandi “Diamo un nome alla nostra scuola” e “Un logo per la mia scuola”. Pensai, comunque, che gli allievi dovessero essere sostenuti; non potevano dal nulla pensare ad un nome che rappresentasse l’identità di un paese. Cominciai, così, a navigare su Internet e digitai su Google …”associazioni di Palagonia”… Il motore di ricerca mi suggerì, tra le altre, “Amedit”, Amici del Mediterraneo, rivista che già conoscevo ma non in maniera approfondita, devo ammettere. Alla voce “Contatti”, scelsi quella relativa a Gaetano Interlandi, senza sapere che quella scelta, del tutto causale, sarebbe poi risultata vincente.

Il Professore Interlandi fu contento – anzi, dire contento è davvero poco –  di sentire una NON PALAGONESE interessarsi di Palagonia, della sua storia, dei suoi personaggi, di Gaetano Ponte, di Giovanni Blandini, di Michele Megna.

“Professore, sarebbe disponibile ad incontrare i ragazzi?” gli chiesi. “Ma certamente, professoressa”, fu la pronta risposta. Concordammo in merito ad un suo intervento, da tenersi durante la successiva assemblea degli studenti, su Palagonia, sulla sua storia, sui suoi personaggi.

Così fu… il 20 Gennaio, presso l’aula consiliare del Comune di Palagonia, il professore Interlandi incontrò gli allievi dell’ IIS e si intrattenne con loro. Grande attenzione da parte di tutti; erano lì ad ascoltarlo non solo gli allievi … anche i professori, il personale ATA, come per dire che Palagonia non è solo nel cuore dei Palagonesi, ma anche di tutti coloro che non “appartengono” a Palagonia e che entrano a fare parte di questa comunità seppure per un breve tratto della loro esistenza.

Il Professore Interlandi, con grande abilità, seppe parlare ai ragazzi, li portò indietro nella storia del loro paese. Erano quelli giorni particolari per la Sicilia, e anche per Palagonia … il movimento dei Forconi si stava ribellando ai tagli del Governo.

Vi fu, addirittura, un’irruzione in aula, mentre i ragazzi interagivano col Professore. “Non ho un lavoro … nella mia famiglia manca il pane” … furono pochi attimi di tensione, il signore che parlava era ben conosciuto a quella platea, “una persona perbene”, dissero in tanti. I ragazzi, e questo mi colpì parecchio, ascoltarono con attenzione quelle parole, le condivisero; d’altra parte anche loro, in quei giorni, si erano organizzati per sostenere i lavoratori piegati dall’enorme peso delle tasse.

Dopo pochi minuti, tutto si calmò; il Professore finì il suo intervento e lasciò spazio alla riflessione.

Giorno 17 Febbraio, presso i saloni della scuola, si è riunita la giuria che ha avuto come membro, fra gli altri, la Professoressa Stancanelli, già Preside dell’I.C. Gaetano Ponte di Palagonia. Ricordo ancora quando è entrata in sala, sicura, altera, aveva le idee chiare la Preside… come se questo ruolo di dirigente non l’abbia mai abbandonata. “La sua missione non può dichiararsi esaurita”, pensai, ”tanto ha dato e tanto ha ancora da dare alla Scuola!”

“Siamo tutti qui ?” è stato il suo esordio; “Si, Preside, proprio tutti”, risposi io, con lieve trepidazione … in fondo l’Istituto Istruzione Palagonia da lì a poco avrebbe avuto un nome … ed io ero particolarmente emozionata …

Diverse le proposte, tutte interessanti, originali, pertinenti; diversi i soggetti proponenti, classi intere, alunni individuali, genitori, personale A.T.A., docenti e studenti insieme. La giuria, però, non ha avuto dubbi; è stata unanime. La proposta accolta ha restituito giusta dignità ad un uomo di Palagonia che alla sua città ha dedicato la vita: Michele Megna.

I ragazzi sapevano chi è stato quest’uomo, lo hanno scritto chiaramente nelle motivazioni, “Uomo unico che Palagonia non poteva dimenticare”.

Prof.ssa Maria Lucia Ciancio

I ringraziamenti del Dirigente

Agli alunni

Ai Docenti

Ai Genitori per il tramite degli alunni

Al DSGA

Al personale ATA

Cari ragazze, ragazzi, docenti, genitori e personale A.T.A., E’ con vivo orgoglio che Vi comunico che da oggi il nostro Istituto ha un nome!

Mi sembra doveroso ringraziarVi per l’interesse, l’impegno e la fantasia che avete dimostrato nel partecipare a questa iniziativa.

Fra le idee pervenute, la commissione ha individuato il nominativo vincente: “MICHELE MEGNA”.

LA CLASSE IV A L. S. risulta vincitrice. Si riporta la motivazione alla proposta, apprezzata all’unanimità dalla giuria:

“Riteniamo sia opportuno assegnare il nome “MICHELE MEGNA” alla nostra scuola poiché, nonostante i numerosi ostacoli della sua vita, ha continuato a seguire i propri ideali, rendendosi artefice del miglioramento del nostro paese anche dal punto di vista culturale..” “Chiedetevi quanti uomini siano disposti a spendere tutto , incluso il denaro, per sensibilizzare i propri concittadini a combattere le proprie battaglie per cercare i propri diritti in nome dell’amore e del rispetto reciproco”.

Analogamente è stato assegnato un premio alla miglior proposta riguardante il Logo dell’Istituto.

Il Logo scelto sottolinea il legame tra cultura ed economia: sebbene viviamo in una fase storica in cui prevale il paradigma della globalizzazione, la cultura rimane essenzialmente alla base dei processi di sviluppo rimanendo strettamente collegata ai risultati economici dei paesi. La classe vincitrice è la V A L.S.

Lo slogan “Coltiviamo la cultura” sembra essere il più adatto a descrivere il Logo prescelto : la presenza del verbo coltivare dal latino côlo che ha, fra altri, il significato di aver cura e rendere produttivo, traduce perfettamente l’idea espressa nel Logo. Vincitrice ex-quo è l’allieva Rossella Moscatello di V A L.S.

Desidero sottolineare la sensibilità mostrata, in questa occasione particolare, dalla classe II A I.T.E.

Cari ragazze, ragazzi e docenti, come non accogliere la Vostra richiesta di intitolare l’aula docenti del plesso di Via Cesare Battisti alla cara prof.ssa Rosa Manfredi? Riteniamo, insieme a Voi, doveroso farlo, proprio perché, come ben dite, è stata un PILASTRO della nostra scuola.

Sostengo, inoltre, la proposta di ricordare il vostro compagno Giuseppe Vitali venuto a mancare prematuramente mediante un segno che ci aiuti tutti a riflettere ed essere più prudenti.

Ringrazio, ancora, il Prof. Gaetano Interlandi che ha contribuito, grazie al Suo intervento, a sfogliare una pagina della storia di Palagonia e a trasmettere agli allievi il sentimento di amore per il proprio paese.

Un ringraziamento particolare va alla cara collega, Prof.ssa Giacoma Stancanelli, che è stata di grande sostegno alla giuria nelle scelte compiute.

Il Dirigente Scolastico Prof. Francesco Gueli

logo-amedit-gravatar-okCopyright 2012 © Amedit – Tutti i diritti riservati

LEGGI ARTICOLO CURATO DAGLI STUDENTI

ARTICOLI AMEDIT SU MICHELE MEGNA

CENNI BIOGRAFICI SU MICHELE MEGNA

LICEO SCIENTIFICO PALAGONIA: Limericks dedicati a Michele Megna (1)

LICEO SCIENTIFICO PALAGONIA: Limericks dedicati a Michele Megna (2)

PARTECIPANTI al 3° Premio Letterario “PAROLA IN LIBERTA’” – MEMORIAL MICHELE MEGNA

LA CONDIZIONE GIOVANILE A PALAGONIA ASPIRAZIONI, ISTANZE, DISAGI…

PALAGONIA: UN CENTRO STORICO IN ASSOLUTO DEGRADO. MONUMENTI E SITI IGNORATI

LA TRISTE VICENDA DEL PALAZZO POLITINI (PALAZZO PALAGONIA DELLE ARTI E DELLE RISORSE DEL TERRITORIO)

PALAGONIA: NASCERA’ IL MUSEO CIVICO?

PALAGONIA: Liberi Sognatori, Uniti nella Cultura!

0 0

About Post Author

Rispondi

Next Post

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE PALAGONIA: UNA PASSEGGIATA CON MICHÈ

Ven Mar 23 , 2012
Un esempio di vero palaunisi Se Michè fosse ancora tra noi, gli chiederemmo di accompagnarci in una delle sue amate passeggiate, di illustrarci i suoi, i nostri, amati monumenti; gli chiederemmo di descriverci quelle piante e quei fiori che lui ha amato tanto, di parlarci di tutti i suoi libri … in poche parole, gli chiederemmo di condividere con noi […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: