NECRONACA – Sbatti il mostro (e la sua vittima) in prima serata

Read Time2 Minutes, 54 Seconds

di Elena De Santis

Un nuovo genere di soap opera va sempre più per la maggiore nei palinsesti della tivù generalista, parliamo della morbosa spettacolarizzazione dei casi più avvincenti di cronaca nera. Alla faccia della privacy, della tutela dei minori ma soprattutto del buongusto questo nuovo genere televisivo ha ormai acquistato un’identità propria rivelandosi funzionale sia a programmi di due – tre ore in prima serata che a strisce di minutaggio più ridotte nella programmazione pomeridiana; un intrattenimento tout court spesso inframmezzato senza alcun ritegno al gossip più spicciolo e alla cronaca rosa. Il format è pressoché a costi zero. Vengono sguinzagliati i cosiddetti “inviati” (alias giornalisti) sui luoghi del crimine e preferibilmente davanti alle case dei familiari delle vittime o affini. Un gettone di presenza agli opinionisti di turno (criminologi all’occasione), qualche ricostruzione video per intervallare il death-talk-show, e il gioco è fatto. Non tutti i casi di cronaca nera si guadagnano la sovraesposizione mediatica. Perché un caso di cronaca nera abbia successo occorrono ingredienti specifici: la bella presenza dei protagonisti, certe connotazioni pruriginose a sfondo sessuale o intriganti dinamiche da romanzetto giallo. Quando gli ingredienti ci sono tutti allora la bomba esplode, i riflettori si accendono e tutta l’attenzione si catalizza sulla singolarità del caso in oggetto. Non occorre fare i nomi di quelle trasmissioni che fanno il quarto grado a questo o a quell’altro episodio delittuoso. Come in un’infinita telenovela argentina tutto si diluisce all’inverosimile; in assenza di news e di veri e propri colpi di scena queste trasmissioni sono diventate abili ad allungare il brodo con mille astuti espedienti. Fioccano così interviste, confessioni esclusive, intercettazioni che spaziano dal vicino di casa ai più improbabili e lontani gradi di parentela. Tutto fa brodo, sì. Le dinamiche sono quelle tipiche del pettegolezzo. Se il paese è piccolo e la gente mormora, la televisione è grande e la gente si sente legittimata a parlare a sproposito. Presentatori e giornalisti hanno imparato a mascherare la sciacallagine dietro la preoccupazione del buon cristiano: “…affinché queste cose non accadano più, affinché torni a splendere il sole nella comunità”. Risucchiati dalla vorace macchina mediatica i parenti delle vittime finiscono per diventare essi stessi ingranaggi di un meccanismo perverso, e allo stesso modo vengono fagocitati i telespettatori. Nonostante più di qualcuno abbia puntato il dito su questo necro-trash, denunciando a più riprese la pratica vergognosa della speculazione sulle disgrazie altrui, nessuna disposizione correttiva è stata mai presa seriamente a riguardo. Quando l’audience sale bisogna solo assecondarlo e, se necessario, alzare ancor di più i toni per incrementare più fruttuosamente gli ascolti. Preda di un ricatto psicologico bello e buono, il grande pubblico assorbe senza reagire, introietta e consuma il dolore così come fa con i prodotti del mulino bianco e con le fiction. Quello che è cambiato rispetto ai tempi passati sono le proporzioni, perché un conto è dare la notizia e commentarla nella giusta misura, altra storia è invece amplificarla e gonfiarla fino a farle assumere connotazioni inquietanti e grottesche. Poco o nulla potranno gli interventi del cosiddetto osservatorio; la pubblicità, semplicemente, premia le aziende più redditizie, quelle che riescono a racimolare la maggior fascia di utenza (se Kant facesse audience gli sponsor seguirebbero il traino dei programmi culturali). Televisivamente parlando il confine tra buongusto e cattivo gusto, tra lecito e illecito è davvero sottile, forse quasi inesistente. La verità è che la situazione è sfuggita un po’ di mano a tutti. Vittime comprese.

Copyright 2011 © Amedit – Tutti i diritti riservati

VAI AGLI ALTRI ARTICOLI AMEDIT MAGAZINE N° 8

0 0

About Post Author

Rispondi

Next Post

LA PELLE CHE ABITO. Presentato a Cannes il nuovo film di Pedro Almodóvar

Ven Set 23 , 2011
di Elena De Santis Il film racconta l’ossessione di Robert Ledgard, eminente chirurgo plastico. Quando la moglie muore, in seguito a un incidente automobilistico, Ledgard decide di concentrare tutta la sua dedizione sperimentale di scienziato sulla messa a punto di una pelle sostitutiva (un’epidermide più elastica e resistente, perfettamente compatibile con la pelle naturale umana). Per le sue sperimentazioni sceglie […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: