LA DIGNITA’ DI MONICELLI L’addio al grande regista

Read Time58Seconds

Ha scelto certamente una modalità estrema per “andarsene”, un’autodefenestrazione improvvisa e fulminea, alla veneranda e venerabile età di novantacinque anni. Un’azione coerente, in perfetta aderenza con il suo percorso, e chi ha avuto il privilegio di conoscerlo non ha nutrito alcun dubbio a tal riguardo; le varie Binetti hanno invece parlato di “uomini disperati”, ma si sa, gli esponenti della milizia clericale sublimano col giudizio la loro innata incapacità di comprendere le ragioni più profonde che sottendono all’animo umano. Monicelli, uomo civile, prim’ancora che grande regista e intellettuale, ha preso la sua decisione con razionale lucidità. Il rispetto è d’obbligo. La drammaticità dell’azione suicida è direttamente proporzionale al vuoto legislativo che regna nel nostro paese, e ha avuto il merito di costringerci tutti quanto meno a una riflessione. Visto il periodo, consigliamo ai nostri lettori uno dei film più riusciti del maestro Monicelli: Parenti Serpenti, pubblicato quest’anno per la prima volta in formato dvd. In Parenti Serpenti ritroviamo, genialmente tratteggiata, esattamente quella parte di società, purtroppo numerosissima, alla quale Monicelli ha scelto di dire addio. Cast in stato di grazia: straordinaria l’interpretazione di Marina Confalone. Buona visione.

Massimiliano Sardina

0 0

About Post Author

Amedit rivista

Rivista Amedit-Amici del Mediterraneo, trimestrale di Letteratura, Storia, Arte, Scienza, Cinema, Musica, Costume e Società. Per richiedere una copia della rivista scrivere a: amedit@amedit.it o visitare la sezione "Abbonati" di questo sito.

One thought on “LA DIGNITA’ DI MONICELLI L’addio al grande regista

Rispondi

Next Post

PARANORMAL-CINEMA Alcune considerazioni su Paranormal Activity 1&2

Gio Dic 23 , 2010
Non staremo a specificare né il nome del regista né tantomeno quello dello sceneggiatore, perché davvero non ne varrebbe la pena. Questi due film però risultano oltremodo interessanti sul piano del linguaggio cinematografico. Sulla falsariga di Blair Witch Project di Daniel Myrich e Eduardo Sanchez (1999, capostipite del genere e tra l’altro un ottimo film, tradotto in italiano come Il […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: