UNO STRAMPALATO CONCETTO DI SVILUPPO

Read Time2 Minutes, 24 Seconds

Dal dizionario della lingua italiana Garzanti alla voce sviluppo troviamo la seguente definizione: espansione, ampliamento, crescita; l’industria si sta sviluppando, l’industria è in pieno sviluppo.

Secondo la definizione dell’UNDP (United Nations development programme) lo “sviluppo umano” è “un processo di ampliamento delle possibilità umane che consenta agli individui di godere una vita lunga e sana, essere istruiti e avere accesso alle risorse necessarie a un livello di vita decoroso”

Accanto a una complicatissima formula matematica che non stiamo a riportare, coniata dall’UNDP, e che in qualche modo riguarda concetti condivisibili in generale: aspettativa di vita, accesso all’istruzione,  ve ne sono altre generate da vari organismi, che rimandano a una concezione di sviluppo basata su logiche di accumulazione continua di beni di vario genere e a un’espansione mondiale del sistema di mercato. Sarebbe interessante osservare la reazione di alcuni popoli appartenenti a culture per cui il termine sviluppo significa tutt’altro o laddove è intraducibile, di fronte alle varie formule e tabelle fornite dagli enti preposti.

Il problema è il solito, già sentito e insoluto: chi definisce chi e che cosa.

L’occidente, dall’alto della sua presunta civiltà più evoluta, ha mappato il resto del mondo definendo i parametri tramite i quali essi possono o meno accedere a una triste classifica fondata sulla quantità di ricchezza accumulata, senza porsi il problema che tale ricchezza ha significati diversi a seconda delle varie culture.

L’Europa, dopo aver depredato il cosiddetto sud del mondo, oggi prova invano a correre ai ripari fornendo improponibili  programmi di sviluppo per ricostruirsi una verginità vergognosamente perduta.

Non a caso come fa notare Amadou Djallo “l’Africa è un cimitero di progetti”, questo continente è stato il più “aiutato” del pianeta e oggi versa ancora in condizioni di estrema povertà.

Dopo aver esportato finte democrazie e modelli di vita inadeguati oggi l’occidente pretende di esportare il proprio concetto di sviluppo.

Il problema, che nessuno si pone, è di origine intellettuale, e riguarda gli effettivi bisogni di cui le popolazioni che l’Europa vorrebbe costringere a “svilupparsi”, necessitano.

Fin dall’epoca delle grandi scoperte geografiche, l’uomo bianco ha espresso giudizi riportando ciò che vedeva nel nuovo mondo ai propri parametri: “gli indiani della popolazione X non sanno contare”, questo era segno di uno “sviluppo” inferiore, ma mai ci si è sognati di pensare che gli indiani non sapevano contare perchè a loro non serviva!

Ancora oggi i modelli di sviluppo proposti non tengono conto delle effettive necessità dei paesi “in via di sviluppo” e, nonostante i continui fallimenti, si continua una grottesca operazione che nella maggior parte dei casi si basa sullo sfruttamento delle risorse dei paesi più poveri a vantaggio di quelli più ricchi, ammantando il tutto con un termine abusato: “aiuti al terzo mondo” , ma che in realtà ricorda uno spasmodico bisogno di “costringere le vecchiette ad attraversare la strada”.

Mauro Carosio

Copyright 2010 © Amedit – Tutti i diritti riservati

0 0

About Post Author

One thought on “UNO STRAMPALATO CONCETTO DI SVILUPPO

Rispondi

Next Post

UNITA’ DI MOLTEPLICI IDENTITA’

Gio Set 23 , 2010
Nelle guerre sante del Terzo Millennio  – ormai scontro di contrapposti fondamentalismi – si bullonano crocifissi alle pareti come fossero simboli di partito, si vorrebbe imporre la lettura della bibbia nelle scuole, si dibatte su ciò che sia con o contro natura, ci si dichiara obiettori di coscienza contro l’aborto… ma nel frattempo si continua a crocifiggere l’intelligenza e la […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: