Emiliano Mazzoncini. Quattro liriche per la Sicilia

Read Time1 Minute, 19 Seconds

Emiliano Mazzoncini nasce a Firenze il 31 Maggio 1974 e risiede attualmente a Pistoia. Diplomato stilista a Milano, consegue vari risultati in campo letterario fin da giovanissimo. I più recenti: 1° classificato Premio Città  di Avezzano, poesia. Finalista premio Città di Cremona, poesia . 3° classificato  Premio Arrigo Boito (CT ). Nel 1998 pubblica in versi e per conto proprio “Lettere dall’Inferno”. Le sue poesie sono apparse in varie riviste letterarie e antologie di concorsi.

Catania

E la primavera

mi sceglie altrove

tra le rupestre rocciose

di carezze palmate

la prima sete

ed il sangue scuro è ora scoperto

nelle vene

quando i carri carichi di spezie

arriveranno da un argento senza ombre

e sparsi questi primi incanti

la piana che dà al mare.

Ortigia

Non di piazze d’avorio

o di ellissi coccolate dalle onde

scelsi la nascosta condanna

e prima che il profumo nascesse

e all’opale sacro della luna

preziosa ed intatta

io, per me,

i tuoi occhi di granato scuro

e l’odore infecondo di questo mare prematuro

dall’ inverno

e basta .

Senza titolo

E misurai quella croce

– più volte –

come saliva in flotte di vento

ai miei anni

il sangue duro

e una terra di bestemmia e di preghiera

e l’ ardore sano che consumava

quella pietra

fra tanti volti bianchi

il tuo scalfiva

– adesso pace- chiese

si arrese.

CastelMola

Dove è il sole

perchè qui la luce

ha un proprio suicidio

-di colore-

e dalle rupi scoscese

la ripresa del falco vetta

fino alla croce

ed il mio amore – che teme troppo il Bello-

mi rapisce lo sguardo

e si richiude.

 

Copyright 2010 © Amedit – Tutti i diritti riservati

0 0

About Post Author

One thought on “Emiliano Mazzoncini. Quattro liriche per la Sicilia

Rispondi

Next Post

LA MEMORIA DEL GIOCO

Mer Giu 23 , 2010
Il “moderno” stile di vita si è impossessato di tutti noi, indistintamente. Anche i mestieri creativi sono ormai soggetti alla routine, ai tempi e alla solitudine di un mercato mai sazio di merce da vendere. E, ormai, questa logica fagocita anche le menti e la fantasia dei più piccoli. Mi capita tra le mani un vecchio libro di Michele Megna, […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: