“Fondo fotografico Gaetano Ponte”

Read Time2 Minutes, 24 Seconds

Relazione dell’uscita didattica a Catania per il convegno

Giorno 28 novembre 2009, alcuni alunni,i più meritevoli, dell’Istituto Comprensivo “Gaetano Ponte” di Palagonia, accompagnati dal dirigente scolastico proff./ssa Concetta Politino e da quattro professori, ci siamo recati a Catania, presso l’auditorium del Monastero dei Benedettini per assistere alla presentazione del Fondo fotografico di “Gaetano Ponte”, curato dai professori Alessandro Bonaccorso e Stefano Branca. Erano presenti delle persone importanti, ma noi alunni dell’istituto “Gaetano Ponte” ci sentivamo ospiti d’onore perchè  “Gaetano Ponte” era un nostro concittadino e la nostra scuola è intitolata proprio a lui. Un rappresentante dell’Istituto Nazionale Di Geofisica e Vulcanologia ha dato inizio ai lavori, poi sono intervenuti altri illustri personaggi come i professori Nicosia, Goti, Bonaccorso e Branca. Il tema è stato ”La fotografia storica alla luce del vulcano”. Ecco quello che ci hanno detto: Gaetano Ponte era un docente universitario e ha fondato il regio Istituto di vulcanologia; è nato nel 1876 ed è morto nel 1955.  Egli oltre che scienziato  era esperto di fotografia ed era interessato alla vulcanologia e ai movimenti della Terra. Ha scattato circa 2000 foto:1120 sono di ambiente e attività vulcanica,86 sono sulle isole Eolie,25 sul Vesuvio,45 sulla Sicilia e circa 175 personali. Il professore Ponte era un grande vulcanologo e ha collaborato con molte riviste. In Europa ci sono circa 250 stazioni sismiche e si intraprendono studi  sempre più approfonditi per conoscere meglio il nostro pianeta Terra. Ogni anno a  Genova c’è un Festival della Scienza e a più di 20.000 studenti vengono mostrate le attività operative degli Istituti Scientifici. Adesso tutte le foto di “Gaetano Ponte” sono messe in sicurezza presso l’archivio fotografico toscano (aft); sono visibili tramite un sito internet:”http://www.aft.it-www.ct.ingv.it”.

Gaetano Ponte ha lottato per il ripristino dell’Osservatorio Etneo e nel 1928 ha assunto la direzione di quest’ultimo e della Casa Cantoniera, dove si trova un modello di plastica dell’Etna. Nel 1946 egli divenne proprietario di un campo di sci sull’Etna dove condusse gli studenti per osservazioni di vulcanologia. Realizzò anche foto su lastre di vetro e pellicola in negativo e in positivo su carta e diacolor. Le immagini sulle lastre sono tutte non vulcaniche. Alcune sono rovinate e gli esperti stanno cercando di pulirle senza togliere il colore. L’Etna è formata dal cratere centrale e da altri crateri laterali e questo è evidenziato proprio dalle foto di “Ponte”. Molte sono le eruzioni fotografate dell’Etna. Questa esperienza del convegno sul nostro vulcanologo è stata importantissima perchè ha chiarito anche come mai la nostra scuola si chiami “Gaetano Ponte. Nel 2007, in occasione della settimana nazionale della Scienza, il nostro Istituto, presso la sede dell’Istituto Nazionale Di Geofisica e Vulcanologia di Catania (INGV), ha presentato alcune pubblicazioni del professore Ponte, assieme ad un DVD che illustrava la vita dello scienziato e mostrava numerose foto dello stesso. Noi  tutti palagonesi siamo molto orgogliosi che  un personaggio così illustre sia nostro concittadino.

Gli alunni: Mario Auteri, Maria Grazia Di Blasi, Miriana Limoli, Sebastiano Pizzimento

0 0

About Post Author

Rispondi

Next Post

L’Amedit… una preziosa risorsa per Palagonia

Mer Dic 23 , 2009
Credo sia importante, appoggiare e sostenere un’associazione nella quale mi rispecchio e che con grande amore ho sempre sostenuto. Un’associazione che, da sempre e in assoluta gratuità, si è battuta per promuovere l’arte e la cultura a Palagonia. Arte e Cultura… per molti argomenti che lasciano il tempo che trovano, ed al cui riguardo, nel precedente numero di questo giornalino […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: