CINEMORFISMI – LE MASCHERE DELLA FOLLIA SUL GRANDE SCHERMO

Read Time2 Minutes, 36 Seconds

Dopo Milano, Foggia e Roma, la mostra itinerante di Antonello Morsillo “Cinemorfismi – Le Maschere della Follia sul Grande Schermo” approda anche in Sicilia. Un evento che l’Amedit, in concerto con l’Amministrazione Comunale, ha voluto regalare alla città di Palagonia nel segno di quell’inesauribile ed appassionato impegno di promozione culturale che procede ormai da anni. L’esposizione, concepita come un racconto psico-iconografico denso di rimandi e citazioni,  fissa lo sguardo su alcuni fra i più tormentati personaggi del grande schermo colti nelle loro inquietudini,  e perviene ad una trasfigurazione alchemica di sembianti indissolubilmente legati alla loro interiorità evocativa. Ammaliati da una siffatta premessa, accogliamo con vivo entusiasmo le Oniriche Maschere di Antonello Morsillo, certi delle profonde suggestioni che sapranno regalare a quanti vorranno ammirarle in tutta la loro eloquente e vibrante bellezza.

ANTONELLO MORSILLO

La duttilità espressiva porta, spesso, a compiere percorsi  completamente opposti. Un Diploma tecnico che lascia il posto ad una Laurea in Lettere (con una tesi sulla presenza del libro all’interno del film) che sprigiona necessarie affabulazioni. E’ un susseguirsi di tracciati sempre più variegati.  Antonello Morsillo nasce a Foggia, in Puglia. Nel 1992, la silloge VENTI VELENOSI, ne segna l’esordio poetico: fra le poesie PULCINELLA musicata dal gruppo pugliese Entelechia nel cd Prospettiva. Seguiranno le altre raccolte: PICCOLO CONFINE DEL SOLE, IL SONNO DEI COLORI, MALE DETTI. I corsi di educazione al linguaggio cinematografico, tenuti a Foggia, nel biennio 1995-96, gli consentono di esprimersi anche con le immagini. Al suo arrivo a Roma, nel 1998, frequenta un corso che amplia il discorso sulla lettura strutturale dell’immagine in movimento. E un Diploma di grafico pubblicitario, gli fornisce gli strumenti per scoprire queste nuove potenzialità. E’ del 2001 la partecipazione ad una mostra collettiva, con opere grafiche ispirate ad alcune primedonne dei film Disney, per omaggiare la cantautrice Rettore. Di buon auspicio perché ne segna l’inizio d’una collaborazione: dalla copertina LUPI al cofanetto triplo per la SonyBmg MAGNIFICA. Un percorso racchiuso nella personale, IMMAGINATA, a lei dedicata, in mostra nel 2006, a Roma e Milano. Morsillo trasforma la cantautrice veneta in creature zoomorfe del cielo, della terra e del mare per intraprendere  la sua ricerca volta alla mutazione dei corpi attraverso simbologie ispirate a varie iconografie. Alcune illustrazioni le utilizzerà per realizzare il video STRALUNATA, contenuto nell’omonimo cofanetto della Rettore, edito dalla SonyBmg nel settembre 2008. Nel 2005 è tra gli ideatori e Docenti del 1° corso di grafica svoltosi all’interno delle Biblioteche comunali di Roma e dal 2006 inizia a collaborare con la SonyBmg in qualità di illustratore. Da qui le cover per Patty Pravo, Luigi Tenco, Milva… Alla fine del 2007 , inaugurerà a Milano, la nuova personale CINEMORFISMI le maschere della follia sul grande schermo. Con essa prosegue il percorso di frantumazione dei corpi: la forma dell’immagine in movimento. Nelle sue opere, utilizza una tecnica intrecciata (illustrazione, fotografia, grafica) e uno stile (dai contenuti forti delicatamente espressi), volti alla mutazione e rigenerazione dei corpi legati inscindibilmente ad una interiorità evocative.

Giuseppe Maggiore

Palagonia, Palazzo Blandini

9-16 Luglio 2009

“CINEMORFISMI – LE MASCHERE DELLA FOLLIA SUL GRANDE SCHERMO”

VERNISSAGE: Giovedì 9 luglio ore 20,00.

Con performance dell’Autore e distribuzione Catalogo.

APERTURA AL PUBBLICO TUTTI I GIORNI

dalle 19,00 alle 21,00 INGRESSO LIBERO.

0 0

About Post Author

Rispondi

Next Post

IL REMAKE-CINEMORFICO di Antonello Morsillo

Mar Giu 23 , 2009
Spesso tendiamo a dimenticare che le vere icone del cinema non sono gli attori, con le loro personalità il più delle volte banalotte e stereotipate, ma i personaggi che interpretano, protagonisti di vite straordinarie. Baby Jane quindi, e non Bette Davis. O ancora Norma Desmond, e non Gloria Swanson. La lista è lunga e ognuno di noi potrebbe compilarla a […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: